Juve Chievo: Allegri fa fuori Mandzukic?

Pubblicato il autore: Redazione Segui

juve chievo

Sabato è il giorno di Juve Chievo, la partita che, nelle intenzioni dei bianconeri, dovrebbe segnare il rilancio in classifica. Grande pressione, quindi, su Massimiliano Allegri, che non può permettersi di sbagliare la formazione, dopo le critiche ricevute per l’impiego di Padoin come regista nelle gare con Udinese e Roma. Se in difesa e a centrocampo i dubbi sembrerebbero pochi, in attacco permangono diversi punti interrogativi. Il più importante di tutti è se far giocare o no Mandzukic, apparso molto appannato sia in campionato sia con la sua Nazionale, dove ha sbagliato diversi gol apparentemente facili. Gli arrivi negli ultimi giorni di mercato di Hernanes e Cuadrado consentono ad Allegri alcune soluzioni in più: il tecnico, quindi, avrà l’imbarazzo della scelta, cosa che non sempre è giudicata positivamente.

Leggi anche:  Juventus, mercato ancora aperto: Tolisso il vero affare di gennaio

Juve Chievo: Mandzukic sì o Mandzukic no?

Allegri, in vista di Juve Chievo, deve tener presente (e lo sa benissimo) che pochi giorni dopo la Juve farà visita al Manchester City per la prima partita del gruppo di Champions League. Logico, quindi, pensare a un po’ di turnover, seppur ridotto al minimo. L’esperienza di Mandzukic, un giocatore che la Champions l’ha vinta con il Bayern Monaco, potrebbe tornare molto utile in campo internazionale, mentre per Juve Chievo sembra più indicata la giovanissima coppia formata da Dybala e Morata, con il primo che potrebbe accomodarsi in panchina proprio con il City. Alle loro spalle l’esordio di Hernanes che, se farà bene, troverà naturalmente spazio anche in Champions. Da vedere invece l’utilizzo che Allegri vorrà fare di Cuadrado, destinato a essere il dodicesimo uomo della Juventus, vale a dire il primo a subentrare per cambiare la faccia a qualsiasi partita. Insomma, anche se in Juve Chievo Mandzukic dovesse accomodarsi in panchina, per lui non si tratterebbe di una bocciatura, ma di un po’ di riposo in vista di altre sfide ugualmente importanti, se non di più.

  •   
  •  
  •  
  •