Juventus, il problema è uno solo: il centrocampo

Pubblicato il autore: Redazione Segui

Juventus

Da oltre cinquant’anni la Juventus non faceva un solo punto in tre partite. Questo significa che la partenza in campionato degli uomini di Allegri non è stata certo brillante, anche perché adesso i punti da recuperare sull’Inter capolista sono ben 8, un abisso. Chi ha visto le prime tre partite di campionato della Juventus avrà certamente notato tantissimi problemi, che però, a nostro avviso, possono tutti essere riuniti in uno solo: il centrocampo. Aver giocato le gare con Udinese e Roma con Padoin regista non ha aiutato lo sviluppo della manovra, ma anche contro il Chievo Allegri, un po’ per voglia, un po’ per necessità, ha fatto numerosi esperimenti, prima lasciando fuori Pogba e poi mettendo Hernanes in regia a causa dell’infortunio di Marchisio. Sempre presenti, invece, Sturaro e Pereyra. Bene, con tutto il rispetto, il centrocampo dello scorso anno era tutta un’altra cosa. E, si sa, le partite si vincono proprio in mezzo al campo. I difensori della Juventus non sono diventati improvvisamente dei brocchi, ma è colpa anche del centrocampo che fa meno filtro e recupera meno palloni. Dybala, Morata e Mandzukic sono ottimi giocatori, ma non vengono serviti in maniera adeguata, né dalle fasce né con lanci smarcanti in verticale.

Leggi anche:  Atalanta-Genoa probabili formazioni: le scelte di Gasperini e Ballardini

Anche questo lavoro è compito degli uomini che sono in mezzo al campo, che però non sono messi nelle condizione giuste per farlo. L’infortunio di Marchisio, per il quale si parla di un mese di stop, è pesantissimo per la Juventus, che adesso dovrà nuovamente cercare un assetto tattico che non faccia conto sul Principino. Voi direte: ma c’è Hernanes! E infatti probabilmente sarà lui a mettersi in cabina di regia, ma così si ripropone nuovamente il problema della mancanza del trequartista. Insomma, Allegri deve concentrare i suoi sforzi sul trovare l’assetto giusto per il centrocampo e in questo modo riuscirà a risolvere anche quelli di difesa e attacco. Non è facile ma l’esperienza non gli manca: il futuro della Juventus dipende da questo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: