Milan, cresce il centrocampo ma Honda non carbura

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

 

 

ac%20milanLa vittoria contro il Palermo, la seconda consecutiva in casa e fondamentali ai fini del rilancio in classifica dei rossoneri,  ha restituito al Milan fiducia dopo il derby di sette giorni fa perso, probabilmente anche in maniera immeritata, contro i cugini nerazzurri. La nuova formula trovata dal tecnico rossonero Sinisa Mihajlovic sembra dare adeguate conferme e si pone come soluzione che potrebbe essere utilizzata per il resto della stagione. Parliamo del centrocampo rossonero che nelle ultime due partite di campionato è passato ad avere più polmoni che qualità ad una soluzione inversa, con maggiore capacità di costruire gioco rispetto alla tendenza a spezzare quello avversario. A fare le spese di questa scelta del mister serbo è stato l’olandese Nigel De Jong che ha visto le ultime due partite dalla panchina lasciando la squadra priva della sua proverbiale grinta e cattiveria ma con un po di fosforo in più.  In questa situazione di novità tattica a ” riemergere” ed a risalire posizioni nella classifica delle preferenze del tecnico rossonero è stato il capitano del Milan Riccardo Montolivo che dopo la buona prestazione del derby anche contro il Palermo è stato protagonista di un match dai buoni contenuti. Il rombo a centrocampo, che prevede l’utilizzo del trequartista, sta cominciando a funzionare al meglio grazie alla maggiore dinamicità dei giocatori utilizzati dal tecnico serbo nelle ultime due gare di campionato che ha permesso agli attaccanti rossoneri di avere maggiori palloni giocabili in avanti.

Leggi anche:  Super League svizzera, Lugano-Basilea 1-0. Il sogno dei ticinesi continua

Se la scelta di lasciare fuori De Jong è stata ammortizzata bene dalla squadra ( nonostante le troppo occasioni comunque concesse ieri al Palermo) che è riuscita a trovare un giusto equilibrio a centrocampo grazie alla presenza di un altro interditore ( dai piedi buoni) come Kucka  rimane ancora a decifrare per il Milan quale sarà il destino del ruolo da trequartista. Honda, infatti, non ha dato fino a questo momento le adeguate garanzie con il giapponese apparso non in condizioni ottimali. L’altro trequartista puro presente nella rosa del Milan è lo spagnolo Suso ma anche lui, seppur con diverse attenuanti rispetto ad Honda, non è ancora pronto ad occupare stabilmente un ruolo di così grande importanza nello scacchiere di Mihajlovic. Ed è per queste ragioni che il tecnico milanista potrebbe provare una soluzione alternativa spostando qualche metro più avanti proprio Riccardo Montolivo, che nel ruolo di trequartista ha già giocato nei suoi anni a Firenze. Una soluzione questa che potrebbe essere utilizzata da Mihajlovic con il rientro di Bertolacci, che assicurerebbe qualità maggiore al centrocampo del Milan.  L’idea che potrebbe essere messa in atto dall’allenatore rossonero è quella di schierare due mezze ali dai piedi buoni come Bonaventura e Bertolacci con De Jong vertice basso e Montolivo chiamato a fare da collante tra il centrocampo ed il reparto d’attacco, garantendo allo stesso tempo maggiore copertura rispetto ad Honda in fase di non possesso palla. Cosa comunque da non sottovalutare è anche l’attuale assenza tra le fila del Diavolo di un  giocatore come Menez, in grado di spostare con le sue giocate gli equilibri di una partita. Se il francese, quando tornerà a disposizione del tecnico Mihajlovic, saprà calarsi con umiltà e spirito di sacrificio in questo ruolo la sua presenza potrebbe diventare imprescindibile in un Milan che, come da tempo auspica il presidente Silvio Berlusconi,  punta a fare dello spettacolo il proprio marchio di fabbrica. Senza dimenticare anche Mario Balotelli che lo stesso presidente Berlusconi  vedrebbe buono proprio per ricoprire il ruolo di trequartista.  Per Balotelli, un po come per il francese Menez, rimane il dubbio legato alla disponibilità ” d’animo” a sacrificarsi anche in fase di copertura,  un “incarico”  che storicamente l’attaccante ex Liverpool non ha mai gradito molto ricoprire.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: