Napoli, Sarri fa turn over col Varsavia. Intanto De Laurentis…

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

NapoliNAPOLI EUROPA LEAGUE – Settimana importante in casa Napoli. Dopo il successo sulla Juventus al San Paolo, nella notte magica di Higuain e Insigne, arriva una doppia trasferta per i ragazzi di Sarri, finora punto dolente della stagione partenopea. Lontano da Fuorigrotta sono infatti finora arrivati i dispiaceri per i tifosi azzurri, cominciando dalla sconfitta all’esordio in Serie A col Sassuolo, passando poi per i deludenti pareggi di Genova con la Sampdoria e di Carpi. Urge un cambio di passo anche lontano dalle mura amiche e Legia Varsavia e Milan sembrano essere le vittime ideali per questo rilancio. Si parte giovedì con la sfida di Europa League. Sarri, forte dei primi tre punti incamerati contro il Club Bruges, può permettersi di fare un ampio turn over. Dovrebbero accomodarsi così in panchina Higuain, Albiol, Jorginho, Insigne, Hamsik e uno tra Hysaj e Ghoulam. In rampa di lancio ci sono, come riporta Il Mattino, Maggio, Chiriches, Valdifiori, David Lopez, Gabbiadini e Mertens. Grande attesa soprattutto per il regista ex Empoli, per capire a che punto è la sua condizione fisica, e per l’ex doriano. Gabbiadini fin qui, infatti, è sempre stato una seconda scelta di Sarri e l’ipotesi cessione a gennaio (Inter?) non sembra così lontana. Può essere dunque l’Europa League la chance giusta per mettersi in mostra e far cambiare idea al tecnico partenopeo.

Leggi anche:  Dove vedere Bari-Catanzaro, streaming gratis Serie C e diretta tv Antenna Sud?

NAPOLI MIHAJLOVIC – Intanto De Laurentis, a meno di una settimana dal confronto col Milan, scalda il clima soprattutto delle panchine, svelando qualche retroscena sulla trattativa fallita in estate con Sinisa Mihajlovic, attuale tecnico dei rossoneri. “Ho incontrato Mihajlovic” ha spiegato questa mattina sempre ai colleghi de Il Mattino “mi è sembrato un uomo molto legato ai suoi moduli e ai suoi giocatori. E io mi sono preso una pausa di riflessione, per comprendere se fosse l’uomo giusto“. E qui arriva l’accusa nemmeno tanto velata del numero 1 del club azzurro: “E lui invece non ha perso tempo…“. Che domenica sera a San Siro ci sia la rivincita di Sarri su Mihajlovic?

  •   
  •  
  •  
  •