Roma, per Garcia è già tempo di processi

Pubblicato il autore: Giuliano Tufillaro Segui

garciaLa situazione si sta facendo sempre più seria in casa Roma. Garcia è finito sotto il fuoco incrociato della critica, alla luce dei gravissimi problemi di gestione della squadra che si stanno manifestando in tutta la loro importanza. Insomma, sembrano ormai un vecchissimo ricordo i tempi in cui Garcia era considerato l’artefice della rinascita giallorossa grazie alle famose dieci vittorie nelle prime dieci giornate di campionato nel 2013 e veniva idolatrato ogni volta che anche solo apriva bocca. Un personaggio capace di entrare anche nell’immaginario collettivo con alcune sue dichiarazioni e slogan calcistici( “abbiamo rimesso la chiesa al centro del villaggio”, ” il derby non si gioca, si vince” e via dicendo).

La goccia che sta facendo traboccare il vaso sono state le scelte di formazione nell’ultimo match di campionato contro il Sassuolo, dove Garcia ha rimescolato le carte cambiando ben 6 degli 11 titolari che tanto bene avevano figurato contro il Barcellona. Ad aggiungere benzina sul fuoco hanno provveduto anche le dichiarazioni postpartita di Garcia, che ha rigettato le responsabilità dei problemi della squadra sui preparatori atletici lavandosene le mani. In generale al francese viene attribuita una scarsa personalità nel controllo dello spogliatoio e viene spesso accusato di decidere la formazione guidato dal tentativo di voler accontentare tutti. Inoltre, sono ormai chiari a tutti i limiti che la Roma manifesta nella manovra e nel gioco: problemi di organizzazione tattica, incapacità di creare pericoli alle difese schierate, mancanza di schemi basilari sui calci da fermo e inesistente studio delle caratteristiche degli avversari, secondo il cui blasone Garcia decide se mettere in campo o meno i titolari. Quando si tratta di affrontare Juventus e Barcellona Garcia schiera la formazione titolare, quando invece gli avversari hanno un nome meno altisonante Garcia dà luogo a un turn over a cui è difficile trovare una spiegazione logica. Un’altra accusa rivolta a Garcia è quella di non saper gestire i giocatori giovani, completamente inutilizzati dal tecnico francese, che preferisce affidarsi a giocatori più esperti, annullando sul nascere le prospettive di crescita della Roma dal punto di vista dei talenti in rosa.

Leggi anche:  Roma, allarme Dzeko per Fonseca: ancora non in condizione; Mayoral scalpita

I problemi e le incertezze che Garcia mostra nella gestione della squadra erano cominciati lo scorso gennaio, quando la Roma era entrata in una spirale negativa di risultati a cui sembrava nn esserci soluzione. Grazie a un pò di fortuna e alla debolezza degli avversari, Garcia era riuscito a limitare i danni conseguendo il secondo posto indispensabile per le casse della società e per il futuro europeo della Roma. Ma l’evento che sembrava preannunciare la fine dei rapporti tra Garcia e la Roma è stato durante la conferenza stampa che anticipava l’ultima giornata di campionato. Il francese aveva manifestato perplessità sulle strategie societarie della Roma, che prevedevano la necessità di vendere giocatori per comprarne altri e aveva dichiarato che la Juventus era un avversario insormontabile e non esistevano i mezzi per raggiungerla. Parole che avevano lasciato tutti increduli e allibiti nell’ambiente Roma. Insomma, Garcia sembrava non credere più nel progetto Roma. A quel punto sembrava inevitabile l’intervento della società e la fine dei rapporti col tecnico, ma incredibilmente Garcia è rimasto al suo posto alla guida della squadra, anche se con poteri più limitati rispetto al passato. La società ha infatti modificato quasi tutto lo staff tecnico e licenziato molti collaboratori del francese, imponendo una nuova visione organizzativa. Che però Garcia non ha accolto con grande entusiasmo. Insomma, era ampiamente prevedibile la piega che avrebbero potuto prendere gli eventi, ma la società ha deciso di ignorare tutto questo. In sostanza, per Garcia è già aria di ultimatum. Dopo la gara di domani con la Sampdoria sarà possibile farsi un’idea più chiara sul fatto se Garcia abbia più o meno le ore contate come allenatore della Roma.

  •   
  •  
  •  
  •