Napoli, conferenza stampa Sarri: “Non bisogna sottovalutare l’Empoli”

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

sarri

E’ da poco terminata la conferenza stampa dell’allenatore del Napolii Maurizio Sarri per la partita contro l’Empoli, e il tecnico del Napoli, parla di vari aspetti, dalla condizione di Higuain, dei tifosi, o dei vari ballottaggi degli attaccanti che sosterranno il Pipita in attacco. Comincia a parlare di Empoli, e della reazione che potrebbe avere a ritornare nella città che lo ha reso importante: “Tornare ad Empoli, è per me una grande emozione, mi spiace di giocarci contro, ci sono persone a cui sono affezionato, ma il calcio è anche questo. Non bisognerà sottovalutare l’Empoli. Ma mi fido dei miei ragazzi, che sono in grande crescita.”Il modulo? E’ possibile cambiarlo, ma bisogna impararlo e memorizzare bene in allenamento. Non si cambia all’improvviso. Mi aspetto una squadra che possa avere il dominio della situazione: prendere due gol in pochi minuti non è un calo fisico, è una paralisi. Mi aspetto che la squadra riesca a gestire i momenti della partita in cui non credono di essere in predominio. Sono molto soddisfatto di Insigne, che fa cose grandiose, è mostruoso.

Gabbiadini? Ci si aspetta sempre qualcosa di più. L’ho visto un pò mollo, io lo metto, ma da lui mi aspetto una pronta risposta, è un’arma importante per il Napoli, mi piace. Higuain, da 2 settimana si allena con costanza, con la Samp ha fatto 2 gol in 50 minuti, negli altri 40 è venuto meno. E poi, in allenamento sorride, ma deve farlo anche in partita. I tifosi sono disaffezionati? E’ una conseguenza di tante cose? Su 2000 cause, 1999 non sono per colpa nostra. Con la Samp, anche se erano pochi, ho visto uno stadio caldo, poi è normali che i risultati fanno la differenza. Zuniga? Non l’ho convocato, non sta ancora in forma, e deve seguire un percorso ben definito. Caso De Guzman? E’ nato un problema con la società riguardo un certificato medico, per verificare le sue condizioni.” Poi una domanda, su un ipotetico passaggio di Allan davanti alla difesa e Sarri senza dubbi risponde cosi: “No, Davanti alla difesa, va sempre un giocatore con la tecnica raffinata.” E tanti saluti. 

  •   
  •  
  •  
  •