Sconfitta nel derby, Berlusconi non soddisfatto delle scelte di Mihajlovic

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

sinisa-berlusconiCominciano ad addensarsi nubi nel rapporto fra il presidente Berlusconi e Sinisa Mihajlovic. Una settimana fa incontro ad Arcore fra il numero uno rossonero e l’allenatore serbo. Era presente anche Adriano Galliani. Il presidente Berusconi, in quell’occasione, aveva manifestato tutta la sua disponibilità nei confronti di Mihajlovic, esortandolo ad andare avanti per la sua strada senza indugi. Ma Berlusconi è anche un presidente molto attento, che annota tutto e che, da intenditore di calcio, desidera sempre esprimere il suo parere e dispensare i suoi consigli, anche da un punto di vista tattico. E, stando alle notizie trapelate quel giorno da Villa San Martino, Berlusconi avrebbe sì confermato la sua vicinanza a Mihajlovic ma anche espresso all’allenatore alcune sue convinzioni tattiche. Che, stando a quanto appreso, non sarebbero state tenute in considerazione da Mihajlovic che, nel derby, ha operato scelte lontane dal credo tattico di Berlusconi: Montolivo regista arretrato e Honda in campo dal primo minuto, gli esperimenti falliti voluti da Mihajlovic.

Leggi anche:  Juventus-Torino, probabili formazioni e le ultimissime dai campi

Si vocifera che Berlusconi sia rimasto molto seccato per la sconfitta nel derby, dove ha visto un Milan poco concreto e con qualche squilibrio di troppo a centrocampo. Questo Milan non lo convince, tanto da disertare ieri San Siro in occasione della sfida contro l’Inter. Il presidente era appena rientrato in città dopo la visita a Putin, ma, in altri tempi, si sarebbe anche potuto recare allo stadio, magari in uno slancio di entusiasmo mai mancato al presidente. Ieri, invece, ha preferito seguire la gara dalla tv. La posizione dell’allenatore comincia a non essere più molto salda. Le due sconfitte in tre partite rischiano di rovinare il progetto di Berlusconi, che esigeva un grande Milan fin dall’inizio. Quest’anno vietato sbagliare per tutti, anche per Mihajlovic. Che, da oggi, entra di diritto nel lotto degli “osservati speciali” del presidente Berlusconi.

  •   
  •  
  •  
  •