Trezeguet ai tifosi: “Juve unico amore. Obiettivo: vincere ancora. Il mio gol più bello…”

Pubblicato il autore: Samuela Rubino Segui

Trezeguet

“Quando gioca segna sempre Trezeguet….” È questo il coro che i tifosi gli dedicavano ogni volta allo stadio quando scendeva in campo con la maglia della Juventus; attaccante che ha fatto la storia bianconera, il numero 17 David Trezeguet, attualmente Presidente Juventus Legends, oggi pomeriggio si è intrattenuto sul profilo ufficiale Twitter della Juventus insieme ai tifosi bianconeri con il #Tlk2David, rispondendo a tutte le domande e raccontando così i momenti più belli con la maglia della Juventus. Ha affrontato diversi temi, dal passato con il ricordo del suo gol più bello fino agli obiettivi stagionali di questa nuova Juventus passando ovviamente per i rinforzi del mercato estivo, tra cui il suo giovane connazionale Mario Lemina. Ecco tutte le curiosità che Trezegol ha svelato ai tifosi.

LA PARTITA PREFERITA CON LA JUVENTUS:
“Ne ho giocate tante, però è vero che la partita più bella per me è stata quella del primo scudetto, vinto a Udine contro l’Udinese. È stata una partita importante per noi perché si giocava contro una squadra tosta e in più dall’altra sponda l’Inter si giocava lo stesso una partita importante è incredibile contro la Lazio. Noi abbiamo vinto e siamo riusciti a portare a casa lo scudetto che mancava da tanti anni”.

IL GOL PIU’ BELLO:
“Il gol a cui sono più affezionato è sicuramente è quello che ho fatto a Bergamo in un 5-2, e sono riuscito a scavalcare Sivori e diventare il capocannoniere straniero e questo è il traguardo più importante della mia carriera …. mentre il più bello il gol che ho fatto in rovesciata contro il Real Madrid, perché è una partita di Champions, contro il Real dei Galacticos. In più perché poi è venuto il gol di un altro mio compagno che ci ha dato la qualificazione…”.

DEL PIERO-TREZEGUET, LA COPPIA DI ATTACCANTI BIANCONERI CHE HA FATTO SOGNARE ED ESULTARE:
“Cosa potrei dire del grande Del Piero se non questo? Ottimo a livello personale. Il più grande giocatore con il quale ho fatto coppia alla Juventus. Superando Charles e Sivori”.

LEMINA, IL NUOVO TALENTO FRANCESE:
“Un ottimo giocatore. La Juve ha fatto un acquisto importante. È un giocatore del quale in Francia si parla moltissimo. È un giocatore che giocava in una squadra importante il Marsiglia, per quello che riguarda il campionato francese. È arrivato con moltissima voglia. Ha un futuro davanti a se importante, perché è giovane. Adesso il mister saprà come gestirlo. L’importante sarà per lui inserirsi velocemente e su questo non ci saranno dubbi e problemi. Dopo speriamo possa dare il suo contributo per far crescere la Juve”.

UNESCO CUP, MARTEDI’ IN CAMPO CON LE LEGGENDE DELLA JUVENTUS CONTRO IL BOCA JUNIORS:
“L’importante sarà fare gol, ma soprattutto aiutare i nostri progetti con Unesco. Siamo in quattro fino adesso e speriamo che arrivi qualcun’altro. Ci sarà Ravanelli, Nico Amoruso, ci sarà Totò Schillaci e anche io. Saremo in 4 per 2 posti, qua si parla di grandissimi campioni che hanno fatto la storia della Juve, per quello per me sarà un onore giocare con loro”.

L’AMORE PER LA JUVE:
“Per me la Juve è stato un amore unico. Io quando sono arrivato alla Juve ero molto giovane, sono andato via dopo 10 anni e avevo fatto una carriera piena di successi insieme alla Juve. Per quello la mia carriera è stata fatta alla Juve. Per quello i ricordi saranno sempre in positivo e dopo anche la chiamata della società verso di me per fare parte di questo nuovo progetto, per me è stato molto importante. Al di là del lato sportivo anche il lato umano che ho lasciato un sono grato di essere tornato alla Juventus”.

DELUSIONE CHE ANCORA OGGI, A DISTANZA DI ANNI FA MALE:
“Juve-Milan a Manchester, finale di Champions persa. Ed è stato l’unico trofeo che non ho potuto alzare con la Juve”.

INFINE GLI OBIETTIVI STAGIONALI DELLA JUVENTUS SECONDO TREZEGUET:
“Con i nuovi arrivati continuiamo ad avere lo stesso obiettivo: vincere! Ci sono stati dei grandi cambiamenti, perché sono andati via dei giocatori importanti e che hanno fatto anche una storia importante. Adesso sono arrivati i nuovi e c’è un mix di esperienza e gente giovane. Però allo stesso tempo, io sono convinto che siano importanti questi cambi, perché l’obiettivo è sempre quello di vincere. Per questo io mi auguro che la squadra e sono sicuro, si riprenderà perché le sconfitte servono per motivare, per lavorare di più e per confermarsi e anche voler crescere. Questo gruppo è molto unito e in più hanno dei giocatori di altissimo livello”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: