Vidal parla al figlio : “Vamos Guerrero!” è lui il motivo del suo rientro in Germania

Pubblicato il autore: Anna Campani Segui

113451675-8d18d8a6-e178-4f22-a3de-01ac1c3d6c2d

Si parla spesso di lui e delle volte pure troppo, per quello che fa lontano dai campi, ormai l’etichetta che lo contraddistingue lo vede immerso tra alcool, macchine e notti brave. Un’etichetta, appunto, che eclissa quel campione che è, che eclissa pure, spesso, anche la persona. Arturo Vidal però non è soltanto un “guerriero” sul campo è anche un “guerriero” per suo figlio, in un momento dove voci vere o presunte delle sue bravate, si mescolano alla vita vera e ai problemi di un bambino, il suo, affetto da diabete e orami bisognoso di operazione. Così dopo giorni di supposizioni sul suo allontanamento dalla nazionale cilena arriva la federazione a dire la sua con un comunicato ufficiale che sembra toglier via ogni dubbio :  “Il giocatore ha chiesto di essere esentato dall’impegno con la Nazionale per tornare in Germania”. La prima risposta alle ennesime accuse era arrivata con una foto, dove il giocatore mostrava la sua completa forma fisica, ieri invece il tono del suo post su Twitter è stato completamente diverso:

“Oggi comincia la prima sperimentazione a livello mondiale di pancreas artificiale in età pediatrica!!! Viene chiamata #PEDerPAN a Bardonecchia, in Italia. Lì, i bambini, incluso nostro figlio, saranno seguiti da medici e ingegneri del Centro di Diabete di Torino, Milano, Roma e Napoli… Speriamo che questo esperimento vada bene!!! Vamos Guerrero!!!!”.

Lui si chiama Alonso, ha sei anni e come anticipato è affetto da una forma di diabete di tipo 1, che lo costringerà a subire un trapianto di pancreas. L’intervento si terrà a Torino, sotto la supervisione della dottoressa Ivana Rabbone, una delle migliori in questo campo. L’operazione era programmata ormai da tempo.

  •   
  •  
  •  
  •