Alex Sandro e Dybala: 66 milioni sulla panchina della Juventus

Pubblicato il autore: Redazione Segui

alex sandro

Ogni volta che un tifoso della Juventus guarda in televisione una partita della sua squadra, all’annuncio delle formazioni si domanda: ma Alex Sandro? Il difensore brasiliano, considerato uno dei più forti interpreti del suo ruolo e pagato al Porto la bellezza di 26 milioni di euro la scorsa estate, quest’anno – almeno finora – il campo lo ha visto pochissimo. Ha infatti giocato solamente due partite da titolare e per altre due volte è subentrato nei minuti finali, per un totale che non raggiunge i 200 minuti complessivi, una miseria. Certo, non è facile scalzare un uomo della forza di Evra, che lo stesso Alex Sandro appena arrivato ha dichiarato essere il suo mito, ma tra i due ci si aspettava un maggiore turnover. E invece il francese è sempre in campo a sgroppare sulla fascia, mentre Alex Sandro si accomoda in panchina aspettando il suo momento. Che – intendiamoci – arriverà, perché Evra non è più un ragazzino e non può reggere da solo tutta la stagione. Inoltre Alex Sandro è stato preso per la sua abilità nel fare i cross, utili per gente come Mandzukic, Morata e Zaza, mentre invece Evra ha proprio nei cross il suo tallone d’Achille, visto che spesso e volentieri quelli che arrivano in area dal suo piede sono bassi.

Leggi anche:  Zazzaroni sulla Supercoppa: "Avrei voluto cambiare canale"

Alex Sandro ok, e Dybala?

Per Alex Sandro, quindi, a nostro avviso è solo questione di tempo. Appena si sarà ambientato probabilmente il suo minutaggio aumenterà e si dividerà equamente con Evra il numero di partite giocate. E Dybala? L’argentino, fresco di prima convocazione in Nazionale e pagato al Palermo 40 milioni bonus compresi, anche lui spesso e volentieri si accomoda in panca. Prendiamo la partita con l’Inter: tutti se lo aspettavano in campo, anche perché Morata era reduce da un brutto infortunio patito con la Spagna, ma Allegri ha messo nella mischia lo spagnolo e al suo fianco ha piazzato Zaza. Avrà avuto i suoi buoni motivi per farlo, ma l’impressione è che in questo momento Allegri consideri Dybala la quarta punta in ordine gerarchico, nonostante sia il capocannoniere della squadra, grazie anche alla trasformazione di due rigori. Siamo sicuri che, così come per Alex Sandro, anche per Dybala arriverà il momento giusto, ma per il momento le stelle del mercato juventino si accomodano in panchina.

  •   
  •  
  •  
  •