Champions League al giro di boa: Girone A, equilibrio tra Real e Psg

Pubblicato il autore: Livio Addabbo Segui

ibra-ronaldo_crop_exactIl duello per la testa del girone A era una sfida annunciata tra i due colossi del calcio europeo, Real Madrid e Paris Saint Germain. Che, come da pronostico, dopo tre giornate sono appaiate in vetta, a quota sette punti.

La squadra allenata da Rafa Benitez, all’esordio sulla panchina madrilena, vince e convince in casa contro lo Shakhtar Donetsk. Un rotondo 4-0 inflitto alla squadra ucraina, a firma di Karim Benzema e soprattutto di Cristiano Ronaldo, autore di una tripletta.
Ma il debutto in Europa della formazione di Laurent Blanc non è stato da meno, con un 2-0 ai danni della formazione svedese del Malmoe. Una vittoria meno netta ma ugualmente perentoria, che ha esaltato gli uomini copertina dei parigini: Angel Di Maria ed Edinson Cavani sono andati a segno, mentre Zlatan Ibrahimovic ha sfidato la squadra che lo ha visto esordire nel calcio professionistico.

Leggi anche:  Ibrahimovic vs Lukaku, lo 'scontro tra titani' e le sue origini

Il copione non è cambiato granché con la seconda giornata, con le squadre di Benitez e Blanc a vincere in trasferta lasciando a zero punti gli avversari. Gli svedesi del Malmoe cedono dopo aver dato battaglia per un’ora di gioco 2-0 al Real Madrid. Che ringrazia ancora una volta Cristiano Ronaldo: con la doppietta messa a segno, il numero 7 dei blancos festeggia i 500 gol siglati tra i professionisti.

Dal canto suo, il Paris Saint Germain vince 3-0 in Ucraina con i mattatori che non ti aspetti: a segno avnno il terzino Serge Aurier, il difensore golador David Luiz e lo sfortunato capitano avversario Dario Srna.

Allo scontro diretto di ieri, dunque, Real e Psg si presentano a punteggio pieno e senza gol subiti. E dopo 90’ minuti di schermaglie, con la squadra spagnola all’attacco e i parigini pericolosi in contropiede, la sfida incorona gli estremi difensori, il costaricano del Real Keylor Navas e il tedesco del Psg Kevin Trapp, ancora imbattuti.
A sorridere, tra i due litiganti, è solo il Malmoe, che con l’1-0 ai danni dello Shakhtar a firma dell’ex Werder Brema Markus Rosenberg, muove la classifica e coltiva le sue speranze di accedere all’Europa League. Senza farsi ulteriori illusioni, i posti per gli ottavi di Champions sono già prenotati.

  •   
  •  
  •  
  •