Compleanno di Maradona: Napoli celebra il suo campione

Pubblicato il autore: saranicoli Segui

10_maradona_graffiti_buenos_aires_gettyMeno male che ci sono i Social. Perché possono servire anche a dare l’in bocca al  lupo alla nostra squadra del cuore o, come in questo caso, a fare gli auguri di buon compleanno al nostro atleta preferito. E di sicuro ieri, venerdì 30 ottobre, la pagina social più consultata dai napoletani, grandi e piccini, amanti del calcio e non,  è stata quella di colui che viene considerato, dalla città partenopea e non solo, come il più grande campione di calcio di tutti i tempi. Stiamo parlando naturalmente di Diego Armando Maradona, indimenticato  ed indimenticabile numero 10 del Napoli Calcio, che in maglia azzurra ha portato la sua squadra a vincere scudetti e coppe mai sperate prima.
Il “Pibe de oro”, argentino di nascita e napoletano di adozione, ha festeggiato, infatti, ieri il suo 55 compleanno. In un clima di pacata allegria, per lui e la sua famiglia, avendo subito da poco la perdita del padre. E come non potevano i suoi tanti tifosi non rendergli omaggio, anche se solo con un semplice messaggio di auguri postato sopra il suo profilo Facebook? Ed è senza dubbio da questi messaggi che  emergono ancora un amore e una passione che va ben oltre i meriti sportivi di quest’atleta, che, dal 5 luglio 1984, quando giocò la sua prima partita allo stadio San Paolo,  non ha mai spesso di regalare sogni ed emozioni ad un popolo, quello partenopeo, che allora come oggi ne aveva estremamente bisogno.
“Auguri Diego. Il più grande di tutti i tempi” scrive accorato un tifoso. Ed ancora un altro: “Napoli e Diego sono un connubio indissolubile, imprescindibile”, “Tantissimi auguri Diego…..
Il più forte del passato…. Del presente…. E del futuro…..
L’unico numero 10 al mondo di sempre…… Il nostro orgoglio napoletano….”.

Leggi anche:  Coppa del Re, dove vedere Cornella Barcellona, streaming e diretta TV in chiaro?

Una passione che sfocia a tratti nell’ipotesi che Maradona sia stato non solo un fenomeno del pallone, ma anche un fenomeno culturale e sociale, potremo dire addirittura mediatico se allora fossero esistiti i media come li conosciamo oggi:””55 anni fa, Signori e Signore, nasceva Colui che seppe – col pallone – dipingere la felicità sul volto di migliaia di persone, sgualcito dalla sofferenza”.
Ed una passione che va anche oltre i confini di una città, Napoli, ancora così travagliata: “Solo auguri Diego…ho ancora l’autografo che mi hai fatto quando sei venuto nel 1981 a giocare con la nazionale Argentina a Firenze contro la Fiorentina”.
E per finire, una constatazione al presente, con chiaro riferimento al passato: “Un uomo con un trascorso a luci ed ombre, ma con due piedi ed una fantasia calcistica che NESSUNO mai più ha avuto ed avrà: auguri al simbolo della rivincita del Napoli e di Napoli sul resto d’Italia, auguri Diego Armando Maradona”.
E lui, in quel di Dubai, risponde sornione: “Nel giorno del mio compleanno, con i miei amici e le persone che amo. Le mie sorelle maggiori mi hanno dato il permesso di festeggiare. Altrimenti, a causa della morte di mio padre, non l’avrei fatto. Grazie a tutti”!
“Auguri campione – fa eco un’intera città, commossa e felice per aver condiviso con lui questo momento – sarai per sempre il dio del calcio, Napoli ti ama e ti amerà per sempre. Grazie di esistere.”

  •   
  •  
  •  
  •