Giudice sportivo Tosel tre giornate a Borriello ed una a Chiellini

Pubblicato il autore: Edoardo Evangelista Segui

frosinone-carpi-borriello-soddimo
Il giudice sportivo Gianpaolo Tosel ha usato la mano pesante per sanzionare Marco Borriello
, espulso al 26′ del secondo tempo di Frosinone-Carpi per aver tentato di colpire l’avversario Danilo Soddimo con una testata a palla lontana. La decisione del giudice sportivo Tosel è di tre giornate a Borriello, mentre ne ha comminata una a Soddimo che nella circostanza aveva ricevuto il secondo cartellino giallo.
Questo il commento amareggiato espresso da Borriello via twitter:

Squalificato per una giornata anche Giorgio Chiellini, che nel turno infrasettimanale che ha visto la Juve perdere 1-0 al Mapei Stadium contro il Sassuolo, ha rimediato due cartellini gialli per effetto dell’acceso duello che ha ingaggiato sin dal 3′ con Domenico Berardi, cadendo nella trappola tesa dal possibile futuro bianconero. Primo giallo per proteste, secondo per un intervento da tergo, tutto corretto, anche se la direzione di gara dell’arbitro Gervasoni non è stata irreprensibile.

Leggi anche:  De Ligt replica le critiche di Van Basten: il difensore senza paura

Un turno di squalifica anche per Felipe Melo, che era andato sotto la doccia anzitempo nella trasferta di Bologna di martedì sera. In questo caso, il secondo cartellino mostrato al brasiliano dell’Inter è apparso troppo severo, scatenando le accese proteste di Roberto Mancini che gli sono costate un’ammonizione per diffida.

Di seguito il resoconto delle ulteriori decisioni del giudice sportivo Tosel:
-Un turno di squalifica ad El Hadji Assane Diousse (Empoli), Felipe Melo (Inter), Manuel Ronaldo Iturra (Udinese), Federico Peluso e Nicola Sansone (Sassuolo).
-Ammenda di 10.000 euro all’Inter, a titolo di responsabilità oggettiva, “per aver omesso di impedire la presenza negli spogliatoi di una persona non tesserata, che rivolgeva all’arbitro un epiteto insultante”.
-Nonostante l’introduzione di materiale pirotecnico di vario g
enere (petardi, fumogeni e bengala), il giudice sportivo non ha ritenuto di adottare sanzioni nei confronti di Atalanta, Bologna, Fiorentina, Frosinone, Inter, Juventus, Napoli e Sampdoria.

  •   
  •  
  •  
  •