Juventus: ecco perché è meglio pensare alla Champions

Pubblicato il autore: Redazione Segui

juventus

Con lo 0 a 0 di ieri sera contro l’Inter, la Juventus ha lasciato per strada una grande occasione per accorciare il distacco con le squadre che la precedono in classifica e ha perso due punti da Roma e Napoli, che oggi come oggi appaiono le più serie candidate alla vittoria dello scudetto. Ha guadagnato un punto sulla Fiorentina capolista e ha mantenuto invariate le distanze dall’Inter, ma queste due squadre sembrano avere qualche limite per puntare alla vittoria finale. Insomma, quella di ieri sera per la Juventus è stata un’occasione persa e quel palo di Khedira alla fine dei giochi potrebbe pesare davvero tanto. La classifica è corta e ancora non c’è nessuna squadra che ha preso il largo, ma la Juventus doveva approfittare di una serata in cui aveva tutto per poter vincere. E invece, ancora una volta, nonostante l’avversario di prestigio, è mancato il giusto approccio alla partita, prova ne sia la palla persa con sufficienza da Pogba dopo 30 secondi di gioco.

Leggi anche:  Inter-Juventus 2-0, la Moviola del match: gol in fuorigioco Juve e proteste sul gol di Vidal

Juventus: testa al Borussia Mönchengladbach

Ecco quindi che forse in questo momento sembra più opportuno per la Juventus concentrarsi più sulla Champions che non sul campionato. Mercoledì 21 ottobre allo Stadium di presenterà il Borussia Mönchengladbach, che dopo un avvio stentato in Bundesliga adesso è reduce da quattro vittorie consecutive, grazie anche all’avvento in panchina del nuovo allenatore Schubert. Per la Juventus, se riuscirà a dimostrare la stessa cattiveria avuta con Manchester City e Siviglia, quella con il Borussia Mönchengladbach non è una partita impossibile e, in caso di vittoria, potrebbe consentire agli uomini di Allegri di portarsi a 9 punti in classifica in tre partite, vale a dire con più di un piede negli ottavi di finale. E a quel punto le energie dei bianconeri potrebbero dirottarsi tutte in campionato, per cercare quella rimonta che, oggi come oggi, appare sinceramente molto difficile.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: