Lugano, Zeman in crisi se la prende con i giocatori: “Non reagite e siete molli”

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

b937353e3eb3a307f5d60dcbb1728f05-kYeE-U120211162452hBH-620x349@Gazzetta-Web_articoloAltro giro, altra crisi: Zdenek Zeman è sull’orlo dell’esonero anche in Svizzera. Un vero peccato, vista la qualità dell’allenatore. Ma la qualità, per Zeman, non sembra più bastare, in un periodo nerissimo della sua carriera. E la nuova avventura a Lugano sembra seguire questa tendenza. La squadra di Zeman è ultima in classifica e non vince da quasi due mesi. Questa sera la sfida (forse decisiva per la panchina del boemo) contro il Lucerna. Si gioca in trasferta, inizio ore 20,00. Ma prima, le dichiarazioni durissime di Zeman che, senza mezzi termini, così come avvenuto anche in passato per situazioni analoghe, se la prende con i suoi giocatori: “La mia è una squadra molle, piatta, hanno poca fame, per loro sembra che tutto vada bene, è sempre tutto a posto. Non sono abituato a usare il bastone, però mi dà fastidio questo atteggiamento. Forse  pensano di essere al massimo, sono arrivati in Super League e sono a posto. Ma non si può stare bene quando si è ultimi in classifica”.

Poi una riflessione che assomiglia tanto a una resa: ” Io sto provando in tutte le maniere a farmi capire. Prima che sia troppo tardi. Io provo a stimolare i giocatori, ma questi non reagiscono”.

E per Zeman non giungono buone notizie neppure dalle dichiarazioni del suo presidente, il numero uno del Lugano Renzetti: “Il mio rapporto con Zeman? a volte faccio fatica anch’io col mister..”

Povero Zeman. Stasera contro il Lucerna si spera in un miracolo. Per rimettere le cose a posto. Forse.

Leggi anche:  Milan, fiato sospeso per Ibrahimovic: infortunio al San Paolo

 

  •   
  •  
  •  
  •