Galliani: “Il Milan è stata l’unica società che ha dato soldi al Parma”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

galliani

Ieri mattina è arrivata la notizia che Adriano Galliani è nel registro degli indagati della Procura di Parma per quanto riguarda il fallimento del club emiliano.L’accusa al dirigente rossonero è concorso in bancarotta fraudolenta, per quanto riguarda l’acquisto del difensore Paletta ( ora in prestito all’Atalanta ). Secondo la Procura il Milan a gennaio scorso avrebbe acquistato il difensore italo-argentino ‘sottocosto’, contribuendo così alle difficoltà del Parma. In merito a questo caos mediatico che si è venuto a creare Adriano Galliani ha voluto fare chiarezza, parlando ai microfoni della Gazzetta di Parma. Ecco il pensiero dell’Ad rossonero:“Dovrei tacere, perché gli avvocati mi dicono di star zitto. Ma se noi non avessimo comprato Paletta, il giocatore avrebbe potuto rescindere il contratto, oppure l’avremmo potuto prendere mesi dopo quando era già svincolato. Voglio anche dire che Paletta è venuto da noi rimettendoci sette mesi di stipendio e anche il suo procuratore ha fatto delle rinunce. Però siamo stati indagati: non riesco a capire. Il Milan è stata l’unica società che in quel momento ha dato soldi al Parma. Eppure siamo stati indagati per concorso in bancarotta fraudolenta. Mi sembra una cosa un po’ bizzarra. Se fossi a conoscenza del profondo rosso del Parma quando ho concluso l’acquisto? Ho spiegato come sono andate le cose, non voglio dire nient’altro”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Atalanta, obiettivo continuità: l'ingrediente giusto per il treno Champions