Milan, un disastro già annunciato?

Pubblicato il autore: Antonio Paradiso Segui

Juventus vs. ACF Fiorentina - Serie A Tim 2011/2012

Servono poche parole per descrivere la debacle del Milan di questa sera contro il Napoli: un 4-0 che non ammette repliche e che forse deve far riflettere su tanti aspetti che non vanno. Tuttavia, sarebbe troppo semplice perdersela con il Milan di oggi in quanto i problemi di questa squadra sono nati già da luglio quando è stata allestita la squadra da gente e personaggi che se vogliono davvero bene al Milan, devono raccogliere tutti i ferri e andare via, anche perché l’età pensionistica l’hanno abbondantemente raggiunta.

DIFESA INGUARDABILE: Innanzitutto il Milan oggi ha pagato gli errori di mercato, in quanto è bastata l’assenza di Romagnoli, che tra l’altro in questa prima parte di stagione non è che abbia brillato particolarmente, per far sì che la difesa andasse totalmente in confusione. Noi rispettiamo tutto e tutti, però non ditemi che una squadra come il Milan debba meritarsi una coppia difensiva composta da Rodrigo Ely e Christian Zapata, con il primo che l’anno scorso giocava addirittura in B con l’Avellino e l’altro che è un lontanissimo parente di quello ammirato ad Udine. Purtroppo, era troppo difficile da capire che a questa squadra serviva un altro difensore di qualità, perché Alex,Mexes e Zapata ormai sono degli ex giocatori, mentre Romagnoli e Rodrigo Ely sono ancora acerbi.

Leggi anche:  Roma, Veretout a Villa Stuart: lungo stop per il francese

CENTROCAMPO INESISTENTE: Dovrebbe essere il reparto fondamentale nel calcio, ma non ditelo ai dirigenti del Milan che nella pazzia di quest’estate hanno comprato due centrocampisti Kucka e Bertolacci che insieme non fanno un Witsel e non perché siano più scarsi, ma solo ed esclusivamente perché non sono registi, dato che il primo ha le sembianze di un incontrista e l’altro è un trequartista che nel Genoa si è trasformato in un centrocampista offensivo, ma è un dato di fatto che al Milan non c’è un vero regista in grado di fare gioco e di dare ordine ad un centrocampo che è totalmente allo sbaraglio, soprattutto quando non gioca De Jong, l’unico che quantomeno ci mette impegno e grinta e che cerca di tappare i buchi.

O BACCA O NIENTE: E’ la realtà di queste prime giornate, se Bacca non gioca da Bacca, il Milan in attacco è inesistente, non a caso a Genova, con il colombiano in panchina e oggi in cui è stato inesistente il Milan non ha creato nulla d’interessante. Balotelli vive di sprazzi, così come Luiz Adriano, oggi in campo abbiamo rivisto anche Cerci, ci fa piacere che stia bene, dato che è tanto tempo che non lo si vedeva. Bonaventura quando è in giornata è devastante, ma anche lui va a sprazzi, dato che in queste giornate no, non riesce a trovare quella giocata in grado di togliere le castagne dal fuoco.

Leggi anche:  Hamsik, Dalla Cina con cresta alle sue origini Slovacche

Infine, potremmo ridire anche qualcosa su Mihajlovic che si sta dimostrando solo un sergente di ferro né più né meno. Per carità, è anche giusto dare delle regole allo spogliatoio e far sì che non si verifichino episodi spiacevoli come quelli dell’anno scorso, ma è anche vero che un allenatore dovrebbe dare un’idea di gioco ai suoi, cosa che purtroppo il serbo non è riuscito a fare in queste prime partite. Anche nella gare vinte contro Empoli e Palermo i gol sono arrivati o da calci piazzati o da giocate dei singoli, niente di più. Sicuramente qualcuno si sarebbe aspettato di più anche da lui, però va detto che con questa squadra sarebbe difficile per chiunque. Adesso non resta che rimboccarsi le maniche e cambiare rotta, anche perché la pazienza dei tifosi, le uniche vere “vittime” di questa situazione, sta per terminare.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: