Napoli, oggi la ripresa. A Genova poche novità

Pubblicato il autore: Nello Simonetti Segui

chievo-napoli 0-1Riprende oggi la preparazione del Napoli in vista della trasferta di domenica pomeriggio a Marassi contro il Genoa. Maurizio Sarri, dopo la vittoria contro il Palermo nel turno infrasettimanale, ha concesso un giorno di riposo alla squadra, anche in considerazione delle tante energie spese durante il ciclo terribile iniziato all’indomani della sosta per gli impegni delle nazionali, e destinato a protrarsi fino alla prossima prevista per metà novembre. Si ricomincia questo pomeriggio, sul manto erboso del centro tecnico di Castel Volturno, dove il tecnico preparerà la sfida al Grifone. Non dovrebbero esserci particolari novità di formazione, se si eccettua il ritorno tra i titolari di Koulibaly e Allan (il difensore, diffidato, tenuto precauzionalmente in panchina nella sfida di mercoledì sera contro i rosanero) ed il possibile stop non più di un altro componente della formazione base sulla quale sembra ormai fare affidamento. Curiosità in particolar modo per ciò che concerne la corsia mancina dell’attacco, dove gli sfoghi di Insigne e Mertens, ormai da oltre due anni in continuo ballottaggio per la maglia da titolare nel ruolo di esterno sinistro, hanno aperto, nel momento generale di euforia all’interno del gruppo, piccoli casi che sia la società, sia lo stesso allenatore, hanno prontamente cercato di minimizzare. Lo scugnizzo di Frattamaggiore pare stia umanamente tirando il fiato, dopo due mesi ad altissimo livello, conditi da ben sei marcature (record personale nonostante siamo solo ad inizio stagione), mentre l’attaccante belga scalpita per riconquistare quella maglia da titolare che solo l’infortunio patito nella sfida contro la Fiorentina gli ha negato nella trasferta di Europa League in Danimarca, dove di certo Sarri lo avrebbe impiegato dall’inizio. Le ultime prestazioni del numero 14 parlano di un giocatore in salute, autore di reti di pregevole fattura contro Legia Varsavia e Palermo, oltre al decisivo assist per la rete di Higuain nella fondamentale sfida contro i viola di Paulo Sousa.

Leggi anche:  Juventus, la vera arma in più si chiama Juan Cuadrado

Insomma, non sarebbe certo una sorpresa assistere all’avvicendamento tra i due da quella parte. Un po’ più complicato, dalla parte opposta, per Sarri privarsi di Callejon. Lo spagnolo, pur non attraversando un brillante momento di forma, assicura quella copertura in fase difensiva e quell’equilibrio che nessun altro attaccante presente in rosa garantirebbe. Ovviamente anche lui, prima o poi, dovrà riposare, ma è probabile che la cosa avvenga in occasione di gare casalinghe nelle quali la necessità di attaccare avversari presumibilmente chiusi, potrebbe consentire l’impiego di giocatori più offensivi come Gabbiadini, mai più schierato dal primo minuto in campionato dopo il pareggio di Empoli alla terza giornata. Detto del centrocampo, con il pressoché certo ritorno di Allan al fianco di Jorginho e Hamsik, un’altra novità potrebbe essere rappresentata dall’esclusione di uno dei tre difensori (Hysaj, Albiol e Ghoulam), dopo il turno di stop concesso a Koulibaly.A seconda del prescelto, Maggio, Chiriches e Strinic i candidati alla sostituzione nel caso in cui Sarri dovesse decidere di intervenire anche nel reparto arretrato. Non è un mistero che per il tecnico quella di Genova rappresenti la partita più impegnativa tra quelle previste prima della sosta, troppi cambi proprio in quella sfida non sembrano stuzzicare troppo la sua mente…

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,