Roma, sotto accusa Garcia e il mercato

Pubblicato il autore: Maurizio de Strobel Segui

roma

Roma, intesa come squadra, è una polveriera pronta ad esplodere. Il primo imputato è ancora lui, Rudy Garcia, l’uomo del quale tutti i tifosi si erano innamorati nel suo primo anno a Roma e che adesso tutti i tifosi stanno pian piano scaricando. E quel che è peggio, anche i giocatori e la società cominciano ad avere forti dubbi sul tecnico francese. La sconfitta in Champions League ha lasciato il segno nella Roma, così come lo hanno lasciato alcune dichiarazioni di Garcia (“I giocatori hanno pensato di poter vincere senza fare fatica”). Alessandro Florenzi prima ha detto che “la partita è stata preparata malissimo”, per poi aggiungere “siamo tutti con l’allenatore”. In seno allo spogliatoio serpeggia un certo pessimismo: con la crisi della Juventus questo poteva essere l’anno buono per lo scudetto, ma alcune scelte tattiche hanno lasciato perplessi i giocatori, che iniziano a pensare che anche stavolta non vinceranno nulla. Sotto accusa, però, non è finito soltanto Garcia, ma anche alcune scelte di mercato. D’accordo, il centravanti mancava e ne è arrivato uno di grande spessore come Dzeko, ma in difesa ci sono dei problemi. Sugli esterni ci sono solo Digne e Florenzi (che peraltro difensore non è), Maicon e Torosidis non danno grandi garanzie ed Emerson nemmeno si sa che faccia abbia, tanto poco lo si è visto. Anche al centro la situazione è pesante, visto che Rudiger è spesso rotto, Castan non si sa come sta, e De Rossi è un altro adattato al ruolo, ma sarebbe un centrocampista. E Gyomber? Probabilmente Chi l’ha visto gli dedicherà una trasmissione. Insomma, la situazione è pesante ed uscirne non è facile. A Roma sono in tanti ad interrogarsi: cosa potrebbe succedere in caso di risultato negativo a Palermo?

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Coppa Italia, sorteggi ottavi: Juve-Genoa, Milan-Torino