Rudi Garcia in conferenza stampa: “Si avvicina il rientro di Castan e Strootman!”

Pubblicato il autore: Livio Cellucci Segui

Garcia RomaEmpoli

E’ un Garcia a 360 gradi quello che si è presentato quest’oggi in conferenza stampa a Trigoria, alla vigilia di Roma – Empoli, primo anticipo dell’ottava giornata di campionato. Il tecnico giallorosso ha parlato di tutto: della squadra, di Dzeko, dei rientri di Castan e Strootman, ed anche delle parole di ieri del presidente James Pallotta. Senza dimenticare altri temi, come le parole di Conte o le difficoltà difensive della Roma. Andiamo allora a sentire le parole di Garcia…
L’apertura è su Dzeko, infortunato con la Roma e convocato invece dalla Bosnia per queste gare di qualificazione, per fortuna della Roma però senza farlo scendere in campo: ”Siamo rimasti sempre in contatto in questi giorni con la Bosnia, ma loro l’hanno gestito bene: non era pronto per giocare ed infatti non ha giocato, neanche nella seconda gara in cui sembrava che potesse entrare. Oggi per la prima volta ha fatto tutto l’allenamento con la squadra e piano piano sta ritrovando la forma fisica, così come il fatto di giocare senza palla”.
In casa giallorossa in questi giorni tengono banco le parole di Pallotta, che ieri ha inaugurato un nuovo modo di comunicare con i tifosi della Roma, attraverso la chat di Facebook. Il presidente giallorosso ha fatto capire a più riprese che sta lavorando sotto traccia per risolvere la ”grana” del muro divisorio in Curva Sud, che tanto non piace al tifo romanista. E Garcia appoggia le manovre presidenziali: ”Spero tanto che la faccenda possa risolversi. Ma il presidente ha sempre fatto e sempre farà le cose migliori per la sua Roma, e quindi per i tifosi. Soffriamo tanto questa situazione e speriamo che si risolva presto. Le parole di Pallotta in questa direzione sono un bel segnale verso i nostri tifosi!”.

Domani però sarà già campionato ed all’Olimpico arriva quell’Empoli che già l’anno scorso tanto fece tribolare i giallorossi. Rudi Garcia è consapevole che non sarà una passeggiata di tutta salute per i suoi: ”Metteremo in campo una squadra capace di passare agevolmente da un modulo all’altro. Il nostro obiettivo è quello di allungare la striscia di vittorie che abbiamo iniziato col Carpi e che abbiamo continuato a Palermo. Per riuscirci però dobbiamo essere pronti e non dobbiamo sottovalutare l’avversario: l’Empoli è riuscito a vincere col Sassuolo, che prima non aveva mai perso, e poi ha anche pareggiato col Napoli. E’ una squadra che ha un carattere preciso e tanta qualità come collettivo. Non dobbiamo pensare ad altro che al campionato domani alle 18…”.
Ci si chiede se con L’Empoli sarà ancora De Rossi a giocare al fianco di Manolas al centro della difesa. E Garcia risponde così: De Rossi gioca benissimo in difesa, ma non è che per tutto il tempo che mancherà Keita, faremo 7 partite sempre con Daniele in difesa… Anche perchè poi sennò mancano le soluzioni per giocare in regia… Per queste 7 gare che ci attendono ci servono 2 difensori centrali, e sia Castan, che Rudiger a breve saranno di nuovo in campo. Abbiamo bisogno di tutte le nostre forze…”. Già ma a che punto è allora la situazione dei due lungodegenti giallorossi?Strootman spero di riaverlo per l’inizio dell’anno. Dal primo infortunio non l’ho mai visto così bene! Ha avuto tre interventi tutti sullo stesso ginocchio. Non sono un medico, ma mi sembra che sta rispettando i tempi per il rientro. Ha lavorato bene e noi aspettiamo il suo ritorno al 100%! Per quanto riguarda Castan, Leo è quasi come un figlio mio ed io sarò il primo ad essere felice per il suo rientro. Se non tornerà domani, sarà in questa striscia di 7 partite. Gli manca il ritmo: non si torna così al 100% con un colpo di bacchetta magica… Ma lui è sereno ed entusiasta. Nel suo ruolo c’è la concorrenza: quando sarà il migliore, ritroverà il suo posto. Non dimentico le belle cose che ha fatto il primo anno con me…”. E Rudiger? ”Antonio è pronto, è guarito dal problema al ginocchio. Dovrà solo tornare al suo livello, grazie agli allenamenti ed al gioco”.

In attesa allora di ritrovare tutti al meglio, sarà opportuno per la Roma fare più attenzione in fase difensiva, visti i tanti goal presi. Ma Garcia è d’accordo solo in parte su questo: ”Se vinciamo tutte le partite per 4-2 come a Palermo, io sono contento… Certamente possiamo e dobbiamo difendere meglio, ma in questo inizio di stagione abbiamo preso dei goal differenti, alcuni anche per degli errori individuali. Per cui non è che c’è un problema preciso in difesa… Ci vuole l’atteggiamento di squadra ed i difensori devono essere dei difensori veri, questo è ovvio. Ma non voglio perdere questa voglia che abbiamo di andare all’attacco, perchè per vincere bisogna segnare, mentre con 38 partite che finiscono 0-0 si va in serie B…”.

Cambiando argomento e guardando le posizioni di vertice, Garcia vede ancora la Juventus come squadra da battere: ”La favorita per lo scudetto è la Juventus: ha vinto 4 scudetti di fila, è normale che sia così…Quest’anno però il campionato è più aperto e noi lavoriamo per sovvertire i pronostici. Sapendo anche che, per un grande traguardo, serve anche di non avere infortuni di lunga durata, come invece abbiamo avuto l’anno scorso con Castan e Strootman…”.
Riguardo invece alle parole di Conte sulla Roma, Garcia non sembra particolarmente infastidito, nonostante tra i due in passato ci siano state delle frizioni: ”Faceva solo parte del gioco mediatico quello di stuzzicare la squadra avversaria, Conte è stato un giocatore leale in questo… Lui sta facendo grandi cose con la vostra nazionale, ma io non leggo tutti i giorni le dichiarazioni di tutti. So solo che qua serve vincere, sennò c’è sempre qualcuno insoddisfatto, e non è con l’insoddisfazione che si costruiscono i successi. Io seguo la mia strada e lavoro al massimo per il mio club. Quando partecipo ad un gioco, lo faccio sempre per vincere, sia professionalmente che nella vita privata. Ed io faccio di tutto per vincere, sapendo che, da quando sono arrivato a Roma, c’è un processo di miglioramento da seguire e che lo stiamo seguendo. Col gioco arriveranno anche i risultati!”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Dove vedere Torino-Milan Primavera: streaming gratis e diretta tv?