Udinese, i tifosi chiedono lo Scudetto del 1896

Pubblicato il autore: -crucco38 Segui

scudetto 1896
Udinese Campione d’Italia: questo è il grido di alcuni tifosi friulani che hanno lanciato una petizione per far sì che venga assegnata alla squadra bianconera la vittoria dello scudetto 1896. In quell’anno la Federazione Italiana Giuoco Calcio però non esisteva ancora (sarà istituita due anni dopo con il primo campionato ufficiale) e il titolo conquistato dall’allora Associazione Ginnastica Udine non è attualmente riconosciuto a livello federale.

Per questo il portale web Mondo Udinese ha lanciato una raccolta di adesione indirizzata alla Figc affinché venga attribuita la vittoria del campionato alla squadra bianconera che proprio nel 1896 fu fondata.

In quell’anno il campionato di calcio rientrava tra le varie discipline sportive del Concorso Interprovinciale Ginnastico che venne organizzato dalla FGNI (Federazione Ginnastica Nazionale Italiana) dal 6 al 9 settembre. Il torneo calcistico prevedeva la partecipazione di cinque squadre: oltre alla formazione friulana parteciparono la Palestra Ginnastica Ferrara (che arrivò seconda), la Società Ginnastica Velocipedistica Trevigiana, il Pio Istituto Turazza ed il Vittorio Veneto, quest’ultime tre tutte di Treviso. Con due vittorie su Ferrara e Turazza, l’Udinese si aggiudicò la vittoria finale e i protagonisti di quella vittoria sono ancora oggi ricordati nel sito ufficiale della società: Bissanti, Chiussi, Ksnapfel, Pellegrini, Milanopulo, Del Negro, Plateo, Spivach, Dal Dan (allenatore-giocatore), Tam, Tolu.

Leggi anche:  Cagliari-Milan 0-2, tanti episodi dubbi: rigore Milan e Sottil ne chiede uno. Ecco la Moviola

I tifosi dell’Udinese ripongono non poche speranze nella riuscita della loro petizione per lo scudetto 1896 grazie anche ad un precedente: lo scudetto vinto dai Vigili del Fuoco della Spezia nel 1943-44. La vittoria di quel campionato (noto come Campionato Alta Italia, infatti in quel periodo il paese era spaccato in due dalle vicende belliche) venne disconosciuta dalla federazione qualche mese dopo. Nel 2000 i liguri, sentendosi privati ingiustamente di un successo conquistato sul campo, promossero la richiesta di assegnazione di quello scudetto (capeggiata dall’allora sindaco Pagano) che venne riconosciuta due anni dopo dalla Figc. Va detto che si trattò solamente di un titolo onorifico ma nel palmares del club non è riconosciuta ufficialmente la vittoria del tricolore.

Ma l’iniziativa dei tifosi dell’Udinese per lo scudetto 1896 è solo l’ultima di una lunga serie di titoli rivendicati dalle squadre a tanti anni di distanza. Ovviamente il caso più celebre, e recente, è la mai sopita querelle tra Juventus e Inter per il campionato del 2006 revocato ai bianconeri ed assegnato successivamente ai nerazzurri dopo lo scoppio di Calciopoli.

Leggi anche:  Juventus, la svolta deve arrivare in Supercoppa: un trofeo può ridare tranquillità a Pirlo

Eppure non è solo Calciopoli che ha “agitato” i tifosi juventini in questi anni. Tra chi sostiene che la Juve abbia vinto 32 scudetti e chi 30 c’è anche chi sostiene che alla società bianconera ne spetterebbero 34. Qualche anno fa infatti sul sito di petizioni Activism è comparsa un’iniziativa che rivendicava la vittoria degli scudetti 1908 e 1909, assegnati dalla federazione alla Pro Vercelli. La protesta dei tifosi sta riprendendo vigore proprio in queste ore sui vari forum sull’onda della petizione dei quelli dell’Udinese. In quelle due stagioni si giocarono due campionati, uno italiano ed uno federale: nel 1908 lo scudetto italiano lo vinse la Pro Vercelli mentre quello federale andò alla Juve ma solo il primo venne riconosciuto ufficialmente. Nel 1909 la situazione si invertì ma anche stavolta l’assegnazione andò ai vercellesi. Da qui la richiesta degli juventini di assegnare a tutte e due le squadre entrambi gli scudetti.

Altro caso di inizio Novecento è quello della Lazio: lo scorso maggio è partita una petizione on line dei tifosi per chiedere alla Figc l’assegnazione dello scudetto del 1915, andato al Genoa. Il campionato di quell’anno, diviso in due gironi (settentrionale e meridionale), venne sospeso dalla guerra ad una giornata dal termine e mai più ripreso. Genoa e Lazio erano in testa ai rispettivi gironi ma la vittoria finale fu assegnata ai rossoblù senza tenere conto del girone meridionale. Ciò avvenne perché all’epoca ci fu un forte divario tra le squadre del nord e quelle del sud e quest’ultime non avevano mai vinto fino a quel momento un campionato nazionale.

Leggi anche:  Supercoppa Italiana, probabili formazioni Juventus-Napoli: ecco le scelte di Pirlo e Gattuso

Anche il Torino recrimina uno scudetto, quello del 1927. I granata vinsero quel campionato ma la vittoria gli fu tolta dalla federazione in seguito allo scandalo che riguardò il giocatore della Juventus, Luigi Allemandi. Il terzino bianconero fu oggetto di un tentativo di corruzione da parte di un dirigente granata al fine di alterare il risultato del derby a proprio favore. Il match finì 2-1 per il Torino anche se Allemandi risultò tra i migliori in campo ma a fine stagione la notizia uscì fuori provocando un terremoto. Di recente il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha affermato che gli scudetti del Torino sono 8 contando anche quello del ‘27.

 

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: