Verso Inter-Juventus. Caceres reintegrato, Jovetic recuperato.

Pubblicato il autore: Ciro Iavazzo Segui

jovCinque giorni all’importante sfida di domenica sera. Inter Juve non è mai una partita banale; non lo è stata neppure quando in palio c’era poco o nulla (vedi lo scorso anno con la Juve già campione che sbanca il Meazza con le riserve). Nella nuova era Agnelli i bianconeri non hanno ancora mai perso nella San Siro nerazzurra e, di sicuro, vorranno continuare la tradizione. Agli uomini di Mancini il compito di invertire il trend negativo.

JUVENTUS: E’ trapelata la notiza del reintegro di Martin Caceres. L’uruguaiano, nella notte fra il 28 e il 29 settembre, si era schiantato a Torino alla guida della sua Ferrari, in stato di ebbrezza. La dirigenza bianconera, essendo il difensore sudamericano recidivo, ha deciso di punirlo con una multa di euro 1000,00 e la sospensione dalla rosa a tempo indeterminato. Inoltre gli fu ritirata la patente e inflitta un’ulteriore multa, sempre di euro 1000,00. Sembra più una scelta dettata dalla necessità, data l’assenza di Stephan Lichtsteiner, che un perdono vero e proprio. La Juventus, intanto, è in campo a Vinovo per il primo allenamento della settimana in vista della sfida con i nerazzurri. E’ rientrato alla casa base Mario Mandzukic (che prosegue con il lavoro differenziato) assieme a Patrice Evra. Domenica a San Siro si rivedrà, forse Claudio Marchisio, mentre sono da valutare le condizioni di Alvaro Morata e Paul Pogba, che si sono infortunati con le rispettive nazionali. Ottimismo sul loro impiego per domenica.

Leggi anche:  Napoli-Rijeka: orario, luogo, probabili formazioni, statistiche e precedenti

INTER: Stevan Jovetic ha svolto ulteriori controlli stamattina e ha ricevuto l’ok dei medici per poter scendere in campo già domenica. Toccherà ora a Mancini decidere se schierarlo o essere cauto e magari gettarlo nella mischia nel secondo tempo. Dopo l’intossicazione alimentare causata dai frutti di mare, torna ad allenarsi con il Cile Gary Medel, che sarà arruolabile, quindi, sia per la gara con il Perù, sia per la Juventus. Gara importante anche per il giovane capitano Mauro Icardi, che è partito a rilento quest’anno. Solo due reti (Chievo e Fiorentina) per il capocannoniere della scorsa Serie A che però, quando vede i bianconeri, segna sempre: 6 gol in 5 confronti. Toccherà ora a lui sfatare il tabù San Siro e riprendere confidenza con il goal.

  •   
  •  
  •  
  •