Allegri vs Morata e il suo calzino

Pubblicato il autore: Silvia Campagna Segui

allegri morata calzino

A volte a creare malumori in una squadra sono formazioni, cambi, tattiche di gioco. Altre volte a crearli ci pensano i calzini.
Mettiamoci il nervosismo da campionato disastroso, mettiamoci pure un po’ di dissapori già esistenti tra i due protagonisti, Massimiliano Allegri e Alvaro Morata, e il gioco è fatto. Basta un calzino fucsia di troppo per scatenare il putiferio.

La quarta giornata di Champions League che ha visto protagoniste Borussia Moenchengladbach e Juventus, terminata con un modesto 1-1, ha lasciato parecchio l’amaro in bocca al club bianconero: imbarazzante errore di Chiellini, espulsione di Hernanes con conseguente uomo in meno in campo, soliti problemi tattici, nervosismi a non finire. E a far agitare ulteriormente le acque, ma soprattutto l’umore del tecnico bianconero, ci si è messo Morata, o meglio, il calzino di Morata.

Il putiferio è dipeso dall’inflessibilità dell’arbitro olandese Kuipers, il quale ha individuato nell’abbigliamento di Morata qualcosa di non uniforme rispetto alla divisa dei suoi compagni, violando così le regole dell’Uefa. Lo spagnolo è infatti sceso in campo con una specie di calzettone supplementare all’altezza delle caviglie, di colore fucsia e perciò differente dal rosa tenue con banda rossa dei calzettoni ufficiali della divisa della Juve. L’arbitro a pochi minuti dal fischio di inizio lo ha notato ed ha fiscalmente imposto al giocatore juventino di toglierlo. Morata è stato così costretto ad abbandonare il campo al fine di cambiarsi, lasciando la Juventus in 10 per circa 3 minuti davanti ad un Allegri visibilmente imbestialito.

Leggi anche:  Serie A vince la battaglia contro la pirateria? Chiusi oltre 5000 siti di streaming illegali. Gli utenti rischiano...

Al tecnico bianconero tutto questo non è andato giù e a fine partita in conferenza stampa ha pesantemente bacchettato il suo giocatore: «Bisogna crescere! Non si può stare tre minuti fuori perché un giocatore deve cambiarsi i calzini. Il regolamento dice che la divisa deve essere uniforme e allora non ci si può mettere i calzini di un colore diverso: non è una sfilata di moda, porca miseria, ma una partita di calcio! Sono molto arrabbiato per questo. Sono ragazzi, ma bisogna che inizino a capire certe cose!».

Una strigliata certamente non nuova quella da parte di Allegri nei confronti di Morata. Già in precampionato, in occasione dell’amichevole contro il Lechia, Allegri aveva sostituito il suo giocatore al 26′ a causa dell’atteggiamento scorretto e scontroso; Morata aveva così lasciato il campo visibilmente arrabbiato per dirigersi direttamente negli spogliatoi nonostante i richiami dell’allenatore. «Non era  giornata – aveva commentato Allegri -. Indipendentemente dagli errori tecnici, quello che non andava bene era l’atteggiamento».

Leggi anche:  Juventus-Napoli, polemiche accese: il rigore di Insigne era da ripetere

Insomma, la telenovela continua.

allegri morata calzino 2

  •   
  •  
  •  
  •