Berardi il “cattivo”: è il giocatore con più cartellini in Serie A

Pubblicato il autore: Pierluigi Persano

berardi
Domenico Berardi ci è cascato di nuovo. L’attaccante del Sassuolo ieri a Genova è ricaduto in uno dei suoi atteggiamenti più frequenti in campo, lasciandosi guidare ancora una volta da quegli impeti di gioventù che vanno a penalizzare pesantemente il suo enorme talento e l’ottimo rendimento in campo.
Al 41′ del primo tempo di Genoa-Sassuolo, infatti, l’arbitro Rizzoli ha mostrato il cartellino rosso al giocatore della Nazionale per un brutto fallo reazione sul genoano Ansaldi, rimasto a terra dolorante per le scalciate di Berardi. Un’amnesia che non solo ha lasciato il Sassuolo in inferiorità numerica per tutto il secondo tempo (anche il Genoa ha giocato la gara in dieci per il rosso mostrato a Perotti, reo di aver provocato Berardi), ma che può costare 3 giornate  di squalifica all’attaccante di Di Francesco.

Leggi anche:  Sancataldese-Catania, streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere Serie D

DIETRO LA LAVAGNA – Non è poi una grande sorpresa scoprire che Domenico Berardi è il più “cattivo” della Serie A. Dal 2013, anno del suo debutto nel massimo campionato, l’attaccante ha ricevuto ben 30 cartellini: di questi 27 sono gialli e 3 rossi. In due campionati ha già totalizzato la bellezza di 14 giornate di squalifica (9 nel 2013/14 e 5 nel 2014/15). E in questa stagione gli arbitri gli hanno mostrato il cartellino giallo in quattro occasioni, più l’espulsione di ieri.
Quello che preoccupa di più è che le decisioni arbitrali sono la conseguenza di atteggiamenti in campo sbagliati del ragazzo: la maggior parte dei cartellini sono arrivati per proteste all’indirizzo del direttore di gara o  per reazioni esagerate nei confronti degli avversari. Come nel caso delle due espulsioni rimediate in carriera in Serie A: entrambe arrivate per una gomitata volontaria rivolta ad un avversario (Molinaro del Parma e Juan Jesus dell’Inter le vittime).
Tutti quanti ci aspettiamo un atteggiamento diverso da Berardi (che va ricordato, ha solo 21 anni), o il suo carattere rischia di compromettere una carriera già lanciata.

  •   
  •  
  •  
  •