Che fine ha fatto Micheal Agazzi ?

Pubblicato il autore: Alessandro Cipolla

micheal_agazzi

Che fine ha fatto Micheal Agazzi ? Questa è la domanda che probabilmente qualche tifoso milanista, ma non solo, si sarà posto seguendo la vicenda dei mutamenti di gerarchia in casa rossonera per quanto riguarda i portieri. Con la crisi di Diego Lopez, l’esordio e la fiducia confermata a Donnarumma e il ritiro a fine stagione annunciato da Abbiati, in molti per un momento avranno ripensato a quel portiere arrivato a parametro zero dal Chievo nell’estate 2014. Ma Micheal Agazzi la maglia del Milan, almeno in una partita ufficiale, non l’ha mai indossata.

Cresciuto nel settore giovanile dell’Atalanta Micheal Agazzi ne ha fatta di gavetta prima di arrivare in massima serie. Sassuolo, Foggia e Triestina prima di sbarcare in Sardegna ed esordire in Serie A con la maglia del Cagliari. Dopo il caso-Marchetti è lui a difendere la porta dei sardi, scendendo in campo per ben 122 volte con la maglia rossoblù. E’ bravo in porta Agazzi e nel 2013 il ct Prandelli lo convoca anche in azzurro per una amichevole contro il San Marino, ma da li a poco inizierà la maretta col presidente del Cagliari Cellino per il rinnovo del contratto. La firma non arriva anche perchè sul portiere ha da tempo messo gli occhi il Milan che lo vorrebbe a parametro zero. Agazzi rompe col Cagliari, che a gennaio 2014 lo cede al Chievo, e poi a maggio firma col Milan.

Leggi anche:  Mondiali, dove vedere Brasile-Croazia: diretta TV e streaming live

Sembra la svolta per la carriera di Micheal, un triennale coi rossoneri da 700.000 Euro l’anno con la prospettiva di ereditare il posto da titolare da Abbiati, un pò la stessa operazione che la Juve ha fatto questa estate con Neto. Di Agazzi però si perdono subito le tracce, anche complice un infortunio che la scorsa stagione lo ha tenuto fuori per alcuni mesi. Ad agosto allora la società rossonera lo cede in prestito al Middlesbrough, che milita nella serie B inglese. Risultato? Anche qui finora zero presenze. Una brutta parabola involutiva ma la speranza è che, a 31 anni, Micheal possa presto riscattarsi.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: