Evra: “Allergico alle uova. La Juventus mi ha salvato la vita!”

Pubblicato il autore: Silvia Campagna Segui

evra

Sapevate che quando lo scorso anno Patrice Evra è approdato alla Juventus, dopo la lunga esperienza con la maglia del Manchester United, il club bianconero gli ha persino salvato la vita? Cosa assurda che neppure il terzino francese si sarebbe mai aspettato.
Il difensore bianconero ai microfoni della BBC ha raccontato la strana vicenda con risvolto finale che ha quasi del miracoloso, soprattutto in virtù delle drammatiche pieghe che questa “disavventura alimentare” stava prendendo.
A Manchester mangiavo uova ogni giorno. All’inizio vomitavo spesso. Poi quando sono arrivato alla Juventus mi hanno detto di essere allergico alle uova. Sono andato in ospedale per via di un’ulcera e sono stato fortunato perché ho rischiato un’emorragia interna“. Si sa che le uova sono tra gli alimenti fondamentali della dieta britannica, ma il fatto che ad Old Trafford per ben otto stagioni non si siano mai resi conto della grave allergia del giocatore 34enne, dandogli da mangiare ogni giorno del puro veleno ed esponendolo a gravissimi rischi, ha dell’assurdo. “La Juventus ha capito tutto: ero allergico alle uova e dovevo smettere di mangiarle. La Juve mi ha salvato la vita! In Inghilterra non avevano capito quale fosse il mio problema. Solo i medici bianconeri ci sono riusciti“. Semplici esami diagnostici e prove allergiche la soluzione di tutto, ma solo a Torino è stata scoperta la causa di un problema che avrebbe potuto persino causargli la morte.

Questa brutta disavventura e il fortunato risvolto finale hanno lasciato un insegnamento ad Evra: “Qui a Torino ho imparato ad essere più professionale, anche se lo ero pure a Manchester. In Italia il calcio è simile ad una partita a scacchi: si deve pensare ad ogni mossa“.
Attualmente il terzino destro ha all’attivo 47 presenze in maglia bianconera e 2 gol; nelle ultime settimane sembra che a Vinovo si stia contrattando per un potenziale rinnovo (il contratto di Evra scadrà a giugno 2016).

  •   
  •  
  •  
  •