Ilicic: “Possiamo vincere il titolo, ma sarà dura”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone

ilicic

Fiorentina che sogna lo scudetto vista la prima posizione in classifica a pari merito con l’Inter di Mancini. Tra i trascinatori viola c’è senza ombra di dubbio Josip Iličič che tra assist e gol sta facendo sognare il popolo fiorentino. Proprio Iličič ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport dove parla della Fiorentina e non solo, ecco le sue dichiarazioni: “Quando ho scelto la Fiorentina pensavo di giocare subito. Invece non è andata così e ci sono rimasto male. Anzi, mi sono arrabbiato. Un calciatore che ha nella testa cattivi pensieri non riesce a dare il meglio. Il momento più difficile è stato quando sono stato fischiato dai miei tifosi, dentro il mio stadio. Ma non mi sono arreso. Poi, è arrivato Paulo Sousa. Il mister fin dal primo giorno mi ha fatto sentire importante. La sua vera forza è aver conquistato la stima dello spogliatoio. Guardate le statistiche: ogni giocatore della rosa è stato titolare in almeno una partita. Questo vuol dire creare un gruppo vincente. Non a parole, ma con i fatti”. Per lo scudetto?: “Possiamo vincere il titolo. Lo abbiamo dimostrato sul campo. Però sarà dura. E sarà decisivo vedere come affronteremo il momento di crisi che prima o poi arriverà.

Leggi anche:  Espanyol-Torino, streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere amichevole

Paulo Sousa ha vinto tre campionati ma ogni volta ha dovuto superare un periodo complicato. Squadra favorita? La Roma. Perché gioca al calcio, perché ha qualità e alternative. Nelle prossime gare non avrà Salah e Gervinho ma Iturbe e Florenzi sono altrettanto forti. Inter? Ho parlato con Handanovic dei nerazzurri. Sono fortissimi in difesa ma hanno anche tanta fortuna. L’Inter non mi sembra da scudetto. E dire che Perisic, Jovetic e Ljajic sono grandi calciatori. Napoli? La squadra di Sarri ha un attacco esplosivo. Ma la difesa non è da scudetto”. Le punizioni la tua specialità: “Ho imparato giocando da bambino sotto casa. C’era un muro che funzionava da barriera. Nakamura del Celtic è il più bravo al mondo. In Italia i migliori sono Pjanic e Alonso”. Su Kalinic: “Lui ha sbagliato ad andare nel calcio inglese non avendo un fisico da colosso. Ha rischiato di buttar via una carriera. Kalinic è fortissimo. Non è Higuain che può vincere da solo una partita ma lui può aiutarci a conquistare il titolo perché lavora come un matto per la squadra. Mi ricorda Abel Hernandez quando era a Palermo”. In vista del derby con l’Empoli, lo scorso anno fu doppietta: “Ho segnato una fantastica doppietta. In porta c’era il nostro Sepe. Lui sostiene che i miei tiri erano parabili. Non è vero. Neppure Superman li avrebbe neutralizzati”. Su Rossi e Bernardeschi: “Un campione. Avremo bisogno dei suoi colpi per restare in testa alla classifica. Bernardeschi? Alla sua età giocavo a Maribor e per fare carriera dovevo scalare le montagne. Lui ha un’occasione per diventare giovanissimo un calciatore di livello assoluto. Non deve sprecarla”. Sul match Juve-Milan: “Si poteva immaginare che la Juve avrebbe fatto fatica a sostituire due giocatori importanti quali Pirlo e Tevez. Il Milan, invece, non lo consideravo da scudetto neppure ad agosto”. Passioni: “Macchine, orologi e cucina. Ah, dimenticavo vado pazzo per la moda. Quando finirò di giocare a calcio potrei accettare una proposta di lavoro dalla famiglia Della Valle in questo settore. Ho buone idee e grande competenza”.

  •   
  •  
  •  
  •