Inter, Jonathan Biabiany: il sole dopo la tempesta

Pubblicato il autore: Ilaria Ceracchi

498315898-kkuB--663x458@Gazzetta-Web_mediagallery-page
Jonathan Biabiany
, attaccante classe ’88 torna al goal dopo più di un anno. Ieri sera nel posticipo delle 20,45 Inter – Frosinone, ci ha pensato proprio lui a sbloccare la partita con un tiro secco sotto la traversa. Partita che ha avuto un epilogo più che felice per i nerazzurri: 4-0. È tornato Speedy Gonzales! Il velocista dell’Inter ha scelto un bel modo per ripagare la fiducia che gli hanno dato la società e il mister in questi mesi così complicati per lui. Ha sbloccato, infatti, una partita importante per la classifica, che ha permesso ai ragazzi di Mancini di salire in vetta soli, guardando dall’alto la Fiorentina, fermata ieri dall‘Empoli.

La società ha sempre creduto nel talento dell’attaccante francese, nonostante il calvario che il ragazzo ha vissuto a partire dal 31 agosto 2014, quando è stato costretto ad abbandonare scarpini e campo per un’aritmia cardiaca molto preoccupante. È l’ultimo giorno di mercato quando il suo passaggio al Milan viene ostacolato dal crudele responso medico: Non idoneo all’attività agonistica. L’amarezza e la rabbia colpiscono il ragazzo, tanto che ha dichiarato di aver pensato anche al ritiro dal calcio. Un medico di Boston gli dà una speranza “Guarirai!”. Il ragazzo non si arrende e accompagnato da una grande forza di volontà, riparte. Il 10 luglio 2015 l’Inter, dopo il fallimento del Parma, lo riprende per la terza volta. Gli danno fiducia, supera tutti i necessari controlli al cuore e firma un contratto di 4 anni a 600.000 euroa stagione. L’incubo finisce e Jonathan può, finalmente, tornare a giocare. L’occasione arriva il 23 settembre 2015 nella partita contro il Verona, quando mister Mancini decide che è giunta l’ora di rivedere Biabiany sfrecciare in campo.

Leggi anche:  Olanda-Argentina, dove vedere quarti di finale Mondiali Qatar 2022 LIVE: diretta TV, streaming e orario

Ieri sera, dopo la partita, Speedy Gonzales, pieno di soddisfazione, più che legittima, ha dichiarato: “Sono molto felice per la partita, abbiamo conquistato tre punti e ho fatto goal  dopo un anno fermo. Il goal lo dedico alla mia famiglia e all’Inter, la mia seconda famiglia. Ora sono felice. È stata un’emozione grandissima, ora sono più forte. È la mia vittoria!” . Biabiany, poi, ha espresso la sua solidarietà alle vittime e alle loro famiglie: “Io sono di Parigi. Le mie preghiere sono per tutte quelle persone che hanno perso la vita e per i loro familiari”.  Le parole sono state riportate da La Gazzetta dello Sport.

Il centrocampista nerozzurro ha parlato con molti giornalisti nel post partita. Ecco il suo commento ai microfoni di Mediaset Premium: “Il mister in settimana mi aveva detto che voleva farmi giocare, poi lui tiene tutti sulla corda e fa bene così la concentrazione rimane alta. Siamo in alto e dobbiamo pensare in grande. Scudetto? Siamo l’Inter e più siamo in alto e più è dura per le altre. Il mio goal simile a quello che segnai con il Parma?  Vero, all’epoca eravamo in corsa per l’Europa League. Il goal di Icardi?  Mauro sta lavorando bene, per la squadra è importante che si faccia trovare bene quando deve metterla dentro”.

Biabiany ha manifestato la sua gioia anche sui social. Su Twitter posta: “Grande emozione, grande vittoria” e ringrazia pubblicamente la sua ragazza, probabilmente per il sostegno. Jonathan si gode la sua vittoria personale, la sua rivincita, il suo ritorno. La sua storia ha sicuramente un finale tutto positivo, un finale da “..,e vissero felici e contenti “.

Leggi anche:  Serie C, probabili formazioni Foggia-Catanzaro: Gallo studia le mosse per il bis

Screenshot_2015-11-23-13-27-46-1

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: