Inter, Ljajic: “Metterei la firma per poter vincere tutte le partite per 1-0”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

ljajic

Pausa per il campionato e molti giocatori sono stati convocati dalle loro Nazionali. Uno di questi è il serbo Adem Ljajic che prima di prender parte al ritiro si è concesso un’intervista al quotidiano Blic, ecco le sue parole: “Credo che tutti gli occhi siano rivolti verso di me, ci si aspetta molto da me. Ma questo mi fa venire voglia di fare e dimostrare di più. Se le persone si aspettano molto da me, significa che sono un giocatore che valgo”. Poi un commento su tutti i match vinti per 1 a 0 dall’Inter: “Metterei la firma per poter vincere tutte le partite per 1-0, anche se mi auguro che l’Inter possa diventare più efficace nel corso della stagione. Credo che potremo diventare ancora più forti una volta che cominceremo a giocare meglio la palla”. L’ex Roma spiega anche che il club manager nerazzurro Dejan Stankovic “ha avuto un ruolo determinante per far sì che mi ambientassi rapidamente qui all’Inter, Ma ci sono anche tanti slavi come Samir Handanovic, Stevan Jovetic, Marcelo Brozović eIvan Perisic che hanno dato il loro contributo”.

Leggi anche:  Piccinini su Conte: "L'Inter non ha avuto ferocia? Troppo semplice. A questo punto anche io potrei fare l'allenatore"

Un ultimo pensiero sulla Serbia: “Non scappo dalle responsabilità, me le assuo sempre; darò sempre il massimo anche per la Serbia. Poi, noi giocatori siamo umani e abbiamo il diritto di sbagliare. Ma tutti siamo d’accordo nel dire che non c’è vittoria migliore di quella ottenuta con la Nazionale. Avremo un girone tosto: Svezia, Austria, Galles Irlanda e Moldova sono squadre di qualità. Negli ultimi due incontri abbiamo però dimostrato di poter crescere e sono convinto che potremo qualificarci al Mondiale. Ci è mancata continuità, abbiamo spesso cambiato allenatore e non è facile così per noi. Ora ci stiamo abituando alle richieste di Radovan Curcic: è un ottimo tecnico, mi ha fatto felice sapere che ci sarà lui sulla panchina serba, si è meritato la fiducia”.

  •   
  •  
  •  
  •