Inter: quanto fastidio dai lassù

Pubblicato il autore: Luca Bonaccorso Segui

fc-inter-LOGO

Sabato, Stadio Dall’Ara: la Roma pareggia 2-2 contro i padroni di casa del Bologna. Partita falsata perchè c’era tantissima acqua in campo, che cadeva in maniera paranormale solamente sopra la testa dei giallorossi, avvantaggiando inequivocabilmente la squadra di Donadoni, la quale senza quel diluvio sicuramente avrebbe preso tre gol dalla Roma. Si perchè la Roma segna tantissimo, è divertente e quindi deve vincere lo scudetto.
Domenica, Stadio Franchi: la Fiorentina pareggia 2-2 con l’Empoli, passando sotto la ruota di un camion e riacciuffando il pari grazie a Kalinic nel finale. La Fiorentina però gioca bene e quindi non poteva perdere con i toscani e deve vincere lo scudetto lottando con Roma e Napoli. Qualora questo non dovesse accadere sarebbe soltanto perchè Paulo Sousa ha giocato nell’Inter e quindi tutto ad un tratto ha incominciato a praticare un calcio vecchio.
Posticipo domenicale: Inter-Frosinone. Il Frosinone è stato messo sotto soltanto dalla Fiorentina finora, e per l’Inter, che al massimo vince 1-0, sarà un’impresa ardua battere gli uomini di Stellone (ottima squadra tra l’altro, tanti giovani per lo più in maggioranza italiani, che giocano bene ed hanno un allenatore bravissimo). 4-0 il risultato finale: eh vabbe l’Inter si è trovato di fronte l’avversario più scarso. Se capitava il Verona che ha giocato con nove uomini in difesa (battuto), oppure il Bologna al Dall’Ara (battuto), oppure l’Empoli, voglio vedere che facevano gli uomini di Mancini…
In campo però, non ci vanno i critici o gli ex allenatori/calciatori alla disperata ricerca di un titolo di giornale o comunque qualcosa che li faccia parlare di loro: quindi Inter prima in classifica dopo ben sei anni di stentata sufficienza.
Per qualcuno è un miracolo, per qualcun’altro un caso, per certa gente quasi una vergogna e uno sdegno.
Volente o nolente insomma, i nerazzurri fanno sempre parlare di se: nonostante i 30 punti in classifica, la miglior difesa del campionato e le nove vittorie.
Certo ovviamente, tra gli aspetti intollerabili, c’è che questa squadra ha fatto ben tre pareggi e addirittura anche una sconfitta, vista per alcuni come una manna dal cielo.

La squadra di Mancini è accusata però dall’impervia critica di diversi fattori a dir poco destabilizzanti all’interno d’un campionato italiano che negli ultimi anni ha regalato tanto spettacolo, stadi sempre pieni, emozioni a go-go e soprattutto belle figure a livello di nazionale.
Punto numero 1. Una squadra che vince sempre 1-0 non può vincere lo scudetto. E’intollerabile che si pensi prima a non prenderle: d’altronde si sa che il catenaccio l’hanno inventato i brasiliani.
Punto numero 2. Dalla prima giornata si dice che l’Inter non durerà: adesso inizierà una serie di sconfitte e lascerà spazio a chi fa il bel gioco e vincerà lo scudetto.
Punto numero 3. Per vincere lo scudetto ci vuole una coppia d’attacco che segni sempre due gol a testa: Icardi e Jovetic si pestano i piedi, l’argentino segna poco e Jojo mai. Col Frosinone comunque Icardi rete e miliardi di palloni toccati, e Stevan migliore in campo. Non basta per lo scudetto.
Punto numero 4. Mancini cambia sempre formazione e modulo: questo è sbagliato perchè devi avere sempre un 11 titolare e puntere sempre su quei giocatori. Lo scudetto si vince così. E la campagna acquisti si fa solo per i titoli di giornale e buttare soldi al vento che tanto in Italia siamo ricchi.
Punto numero 5. Dall’Inter, che non gioca in Europa, ci si deve aspettare molto di più perchè  hanno più tempo per preparare la partita. Lo scudetto se non vinci tutte le partite con almeno 3 gol, non vale.
Punto numero 6. L’Inter può vincere solo una classifica: la PDO di Sky. Sapete cos’è? la classifica a culo. O meglio, l’indice di fortuna. Questo speciale calcolo ha origine nelle giornate in cui i nerazzurri sono balzati in vetta e probabilmente continuerà fin quando non vincerà lo scudetto una delle squadre che gioca bene.
Punto numero 7. Il più significativo: “L’Inter è la dimostrazione di un calcio antico, vecchio, rivisitato da una persona con idee chiare. In certe nazioni questo tipo di calcio non sarebbe apprezzato. Ma va bene in un Paese come l’Italia, dove la vittoria è tutto.”
Mancini, ma che combini? pensi soltanto a vincere? ma non ti vergogni? Dei risultati non gliene importa niente ai tifosi: dovete giocare soltanto per divertire la gente, magari come facevano Mazzarri o tutti gli altri che hanno seguito te e Mourinho fino al tuo ritorno. Il tuo calcio non sarebbe apprezzato in altre parti del mondo: dici che hai vinto anche in Premier con una squadra che non vinceva uno scudetto da miliardi di anni e la prima cosa a cui hai pensato è stata quella di blindare la difesa? Sono solo particolari questi.
E comunque lo scudetto sappi che non lo puoi vincere perchè, oltre a giocare male e fare un calcio vecchio, hai anche una squadra dove sono tutti stranieri: magari però potresti affidarti a tre olandesi, che italiani non sono, ma all’occorrenza fanno sempre comodo…
Lo scudetto è un sogno probabilmente irraggiungibile almeno per quest’anno per l’Inter, ma l’obiettivo di dar fastidio a molti addetti ai lavori o presunti tali, da primi in classifica, è pienamente raggiunto. Anche vincendo solo 1-0.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: