Lazio, traballa la panchina di Pioli: pronto Guidolin

Pubblicato il autore: studioaperto24

claudio lotito  La Lazio continua a non vincere e viene ‘spedita’ in ritiro dal presidente Claudio Lotito. Il presidente della Lazio non avrebbe gradito gli ultimi risultati in campionato, con un solo pareggio nelle ultime 4 gare in campionato che ha relegato la formazione capitolina a metà classifica e ben lontana dalle posizioni di vertice.

Un andamento altalenante quello della formazione di Pioli, che è partita male dopo la sconfitta di Pechino contro la Juventus, nella supercoppa italiana, per poi esordire con un successo contro il Bologna in casa per 2-1. Poi le due sconfitte roboanti contro il Chievo e il Napoli che hanno fatto traballare la panchina di Pioli e costretto la squadra al ritiro di Formello. Un rendimento condizionato dagli infortuni di Djordjevic e Klose, e dall’assenza di Biglia. Ma una volta recuperati i tre giocatori, il rendimento della Lazio ha fatto registrare un cambio di rotta evidente con quattro successi in 5 gare, con i successi contro Genoa, Verona, Frosinone e Torino e la sconfitta esterna contro il Sassuolo.

Leggi anche:  Primo arbitro donna in Serie A: Maria Sole Ferrieri Caputi

Poi le tre sconfitte contro Atalanta, Milan e quella cocente contro la Roma, ed infine lo striminzito pareggio in rimonta contro il Palermo. Un rendimento quello in campionato, che fa a pugni con l’ottimo percorso della squadra di Pioli in Europa League con tre successi in quattro gare, che hanno consentito ai biancocelesti di raggiungere anticipatamente il traguardo della qualificazione ai sedicesimi, in un girone tutto sommato agevole.

Ma dopo i risultati deludenti in campionato, Lotito potrebbe decidere di cambiare la guida tecnica se nelle prossime tre gare non saranno registrati sensibili progressi di rendimento. La Lazio sarà attesa dalla trasferta ucraina contro il Dnpro e dalle due sfide complicate in campionato contro Empoli e Juventus. Klose e compagni dovranno dimostrare di avere assorbito le delusioni degli ultimi confronti e di essere in grado di riprendere la marcia verso i vertici della classifica, altrimenti il cambio dell’allenatore si renderà inevitabile.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Juventus-Bologna streaming gratis e diretta tv: Sky o Dazn?

I papabili alla sostituzione di Pioli

In cima alla lista dei desiderata, nel caso dell’addio di Pioli, c’è Francesco Guidolin, ex allenatore dell’Udinese ormai lontano dalle panchine da due anni e prossimo a tornare ad allenare nella massima serie. Occhio anche ai due disoccupati di lusso del calcio italiano, Mazzarri e Prandelli, che potrebbero essere tra i papabili nel caso in cui Lotito vorrà cambiare la guardia in panchina.

Le speranze di risorgere dal mercato di gennaio

Si annuncia movimentato anche il mercato in entrata e in uscita a gennaio. Il rischio per i tifosi laziali è quello di dovere dire addio al centrocampista argentino Lucas Biglia, per il quale si è fatto sotto il Manchester United, mentre in entrata sembra vicino il difensore Douglas del Dnpro, che piace molto a Pioli. Possibili anche le partenze di Radu e Lulic, che non ha ancora rinnovato il contratto con la Lazio. Mentre Lotito dovrà resistere alle forti pressioni della Premier League per il centrocampista brasiliano Felipe Anderson, che piace molto al tecnico del Manchester United, Adrian Van Gaal. Possibile anche l’arrivo di rinforzi a centrocampo e in difesa, dove la Lazio ha messo in mostra le lacune più evidenti.

  •   
  •  
  •  
  •