Lucescu: “L’Inter deve prendere Pirlo, cambierebbe il centrocampo nerazzurro”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone

Mircea_Lucescu_Shakhtar_Donetsk

Mircea Lucescu ex nerazzurro e attualmente allenatore dello Shakhtar Donetsk è stato intercettato ai microfoni di FcInterNews per parlare del possibile approdo di Andrea Pirlo all’Inter e del club meneghino in generale. Ecco le sue parole:

Pirlo all’Inter: soluzione giusta e fattibile?
“Decideranno lui e Mancini. Credo però che una squadra abbia assolutamente bisogno di un giocatore con queste caratteristiche, con tantissima esperienza e disciplina tattica assoluta. L’Inter deve prendere Pirlo, cambierebbe il centrocampo nerazzurro come ha fatto con la Juventus di Conte”.

Inter più forte, quindi, con il regista azzurro.
“Assolutamente sì. Ne sono convinto. Mi sembra che fisicamente il giocatore stia abbastanza bene, e credo inoltre che stia un po’ soffrendo in Major League Soccer”.

Con l’ex Milan e Juventus nerazzurri da Scudetto?
“Senza dubbio. Avere a disposizione un giocatore del genere è bellissimo per qualsiasi allenatore. Ho avuto la fortuna di allenarlo all’Inter, il mio ricordo calcistico è assolutamente positivo. In quel periodo non era ancora un vero regista, era molto giovane e cercavamo di impiegarlo in più ruoli. Poi con il tempo è diventato un regista di livello mondiale, ma la sua crescita è passata anche da qualche errore in fase difensiva e da qualche rimprovero. Ricordo qualche palla persa davanti all’area di rigore… In ogni caso, sarebbe impensabile che qualcuno possa non volerlo. Tutti hanno bisogno di un interprete come lui”.

Leggi anche:  Genoa: esonerato Blessin, ecco il nome nuovo sulla panchina

Inter spesso vincente per 1-0: da allenatore questa ‘abitudine’ la reputa un pregio o, per certi versi, un limite?
“La cosa più importante è la fase difensiva. In una squadra di calcio questo è il punto di partenza, la base. Quando c’è un grande assetto difensivo tutta la squadra cresce, attacco compreso. E in questo senso Pirlo sarebbe il collante perfetto tra i due reparti. La difesa rimarrebbe coperta e gli attaccanti avrebbero molti più palloni giocabili. Mancini lo vuole proprio per questo motivo e per puntare allo Scudetto. Andrea è un giocatore che da solo può cambiare una squadra intera e il ritmo di un match”.

  •   
  •  
  •  
  •