Mihajlovic sicuro: “Vinciamo noi.” Berlusconi a Milanello

Pubblicato il autore: Luca Bonaccorso

sinisa-mihajlovic-milan_1f7g7xnjatpmnzwmv08jdi13v

E’ un Sinisa Mihajlovic particolarmente ottimista quello che oggi si è presentato in conferenza stampa: “Non sarà una gara facile, ma sono sicuro di vincere”, ha così tuonato per caricare l’ambiente a mille.

SAMPDORIA. “Io auguro sempre il bene alla Samp. Non si deve mai perdere il sorriso. Differenze Zenga-Montella? Presto per giudicare, hanno giocato una sola gara. Sarà sicuramente una gara difficile. Fuori casa hanno preso solo due punti, ma ci metteranno in difficoltà. Sicuramente Vincenzo cercherà di trasmettere le sue idee alla squadra. Speriamo di vincere, l’abbiamo preparata bene come sempre. Stiamo lavorando bene, poi dobbiamo riportare in campo quello provato durante la settimana. La Samp è un avversario ostico che ha qualità da centrocampo in su e giocatori che possono risolvere la partita da un momento all’altro. Dovremo stare attenti in fase difensiva e dobbiamo essere più propositivi in fase offensiva”

SQUADRA. “Sono soddisfatto della squadra perchè non abbiamo avuto grossi problemi con nessuno. C’è disciplina e rispettano le regole. Dal primo momento in cui sono arrivato non c’è mai stato un solo giocatore che non si è allenato come si deve. Problema che invece è capitato da altre parti. Si viene da tre stagioni negative, ma vincere aiuta a vincere. Da dopo la partita con il Napoli, da dove abbiamo cambiato alcune cose abbiamo avuto 2 punti di media a partita e io sono convinto che riusciremo a mantenerla questa media da qua alla fine del girone d’andata. Poi nel 2016 lavoreremo sui difetti e magari cambieremo qualcosa. Inoltre avremo tutti gli scontri diretti tranne quello con il Napoli in casa”

POCA PERSONALITA’. “Sono tutti giocatori con personalità. Comunque, abbiamo perso contro la Juventus, non con l’ultima in classifica. E ha vinto anche contro il Manchester City. In generale, con i bianconeri abbiamo fatto bene in fase difensiva. Male in attacco. Sbagliavamo l’ultimo passaggio e i nostri esterni si sono dovuti sacrificare”.

FASE OFFENSIVA. “Ci manca Bertolacci, che è stato l’investimento più caro che è stato a centrocampo. Ci mancherà Balotelli che spero di recuperare prima di Natale. Non ci lamentiamo perchè abbiamo comunque tante alternative davanti. Oggi Luiz Adriano si allena con noi perciò avremo 4 giocatori offensivi. Come sempre ne schiereremo 4-5 offensivi. I nostri primi difensori, naturalmente, saranno gli attaccanti“.

FUTURO. Dobbiamo trovare continuità. In sei gare, tre vinte, due pari e una sconfitta. Sulla carta abbiamo gare che potremo vincere. Si possono fare bene. La svolta non vale per una sola partita. Soddisfatto se facessimo 10 punti da qui a Natale? No. Per il blasone dovremmo essere in alto, ma il campo dice una cosa. La Fiorentina ha un suo gioco che sta continuando a fare con certi tipi di calciatori. Noi abbiamo cambiato il modo di lavorare. Si parla di Sassuolo, ma loro hanno una squadra forte. Sicuramente non è più forte di noi, ma i conti si fanno alla fine. Vedremo dove saremo noi e dove saranno loro”.

BERLUSCONI. Intanto oggi a Milanello si è rivisto Silvio Berlusconi: il patron rossonero è rimasto ben quattro ore e domani sera sarà presente allo stadio per il match con la Samp. Il presidente ha pranzato con gli sponsor, la figlia Barbara e l’ad Galliani, ha salutato squadra e allenatore ed è ripartito senza rilasciare dichiarazioni.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Inter, via lo sponsor principale dalle maglie: la beffa dalla Digitalbits