Milan, Mihajlovic: “Abbiamo vinto meritatamente, sapevamo che non sarebbe stato facile”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

miha

Finalmente un Milan convincente che espugna l’Olimpico di Roma per 3 a 1 ai danni della Lazio di Stefano Pioli. Reti siglate da Bertolacci, Mexes e Carlos Bacca, mentre nella Lazio gol della bandiera di Kishna. A fine match il tecnico dei rossoneri Sinisa Mihajlovic ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport, eccole:

Sulla gara: “Non so se è stato il miglior Milan, ma in questa partita abbiamo dimostrato spirito di squadra. Tutti quelli che hanno giocato, quelli che sono entrati ci hanno dato una grossa mano. Abbiamo vinto meritatamente, sapevamo che non sarebbe stato facile. Era fondamentale rimanere coi reparti corti, siamo stati bravi ad accorciare. La squadra dopo questi risultati positivi ha ritrovato un po’ di fiducia persa. Sono molto contento a parte per il gol subito, per quello mi dispiace un po’”.

Leggi anche:  Zazzaroni sulla Supercoppa: "Avrei voluto cambiare canale"

Sulle tre vittorie di fila: “Anche a Torino abbiamo fatto una buona gara. Lì meritavamo qualcosina in più”

Sulle due punte: “Non è un problema giocare con una o due punte, bisogna vedere i giocatori che si hanno a disposizione. Volevo inserire Niang ma siamo stati sfortunati con gli infortuni. La settimana prossima potrebbe partire dall’inizio mancando Bonaventura. Sarà un esame di maturità importante per noi”.

Sulle parole rivolte ai giocatori: “I giocatori li vedo tutti i giorni, sono Nazionali, dovrebbero avere la personalità di venire fuori dalle situazioni. A volte le cose le dico pubblicamente, altre volte gliele dico in faccia. Bisogna conoscere bene i ragazzi ma io sono fatto così, sono abituato a dire quello che penso”.

Su Donnarumma: “Il gol? Era difficile, il pallone è passato in mezzo alle gambe del difensore. Ha fatto una bella parata di riflesso prima. La mossa di metterlo titolare? Diego Lopez è un portiere importante che stimo molto, ma ora vedo meglio Donnarumma. Non guardo l’età. Un ragazzo di diciassette anni andrebbe trattato con più simpatia, è un gioiello del Milan e penso del calcio italiano. Arriverà il momento per Diego di riprendersi il posto ma ho molta fiducia in questo ragazzo, ha personalità”.

Leggi anche:  Dove vedere Lazio-Milan Primavera: streaming gratis e diretta tv?

Sullo spirito: “Contro tredici squadre in Serie A partiamo favoriti e se giochiamo da Milan possiamo batterle. Con le altre sei ce la giochiamo, finora con queste abbiamo sempre perso, oggi abbiamo vinto. I ragazzi hanno ritrovato la fiducia persa, siamo più compatti, ripartiamo, ci rendiamo pericolosi. E’ uno spirito di squadra giusto. Anche quelli che restano in panchina remano tutti dalla stessa parte”.

Sulle differenze tra Milan e Inter: “Gioca meglio il Milan o l’Inter? Mi diverto di più a vedere il mio Milan, soprattutto quando si vince”.

  •   
  •  
  •  
  •