Milan, Sheva: “Il momento più bello nel Milan? La Champions League vinta all’Old Trafford

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone Segui

MILAN, ITALY - APRIL 26:  Andriy Shevchenko of AC Milan celebrates scoring the first goal during the UEFA Champions League semi-final first leg match between AC Milan and PSV Eindhoven at San Siro on April 26, 2005 in Milan, Italy.  (Photo by Alex Livesey/Getty Images)

Uno dei bomber più prolifici della storia rossonera è senza dubbio Andrij Shevchenko, autore di numerose reti con la casacca del Milan. Sheva ha rilasciato una bella intervista al Corriere dello Sport dove parla del Milan, ecco le sue parole: “Le ultime 5 stagioni per noi milanisti sono state molto difficili. Il club sta attraversando un periodo di transizione e i dirigenti stanno cercando l’allenatore e i giocatori giusti per il loro progetto. Ho notato che il presidente Berlusconi ha ripreso a investire molto e che nelle ultime settimane è stato due o tre volte nello spogliatoio. La sua presenza porta entusiasmo a tutto l’ambiente. Ho visto che il Milan ha vinto 3-1 contro la Lazio e che quello di ieri (domenica, ndr) è stato il terzo successo di fila. Nel calcio non è facile tornare al top dopo un momento di difficoltà: ci vogliono tempo e lavoro. Negli ultimi 25-26 anni, però, il Milan è una delle società più vittoriose del mondo. Come adesso il Manchester United, il Chelsea, il Barcellona, il Real Madrid o il Bayern Monaco. Credo che i rossoneri supereranno questo momento di transizione e che presto saranno nuovamente forti come in passato. Il momento più bello nel Milan? La Champions League 2002-03 vinta nella finale all’Old Trafford di Manchester. Sognavo fin da bambino quella coppa e averla conquistata segnando l’ultimo rigore è stato speciale”. Poi un pensiero sul tecnico Sinisa Mihajlovic: “E’ un bravo tecnico e un uomo vero. Sa quello che bisogna fare per vincere, ha una buona esperienza e il suo carattere forte lo aiuterà nella sua missione. Non ha mai giocato nel Milan, ma lo ha fatto nell’Inter. Conosce la città di Milano e quali caratteristiche deve avere l’allenatore del Milan. Miha come Ancelotti? Anche Carlo come Mihajlovic ha avuto una bella carriera da calciatore e ha vinto diversi titoli. Adesso è diventato un allenatore capace di aggiudicarsi tre Champions League con due squadre diverse. E’ un grande tecnico e una persona molto gradevole. I giocatori hanno tutti un ottimo rapporto con lui e io non faccio eccezione”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Milan-Atalanta 0-3: rigore Atalanta e proteste Milan. Ecco la Moviola
Tags: