Napoli, Sarri contro la Juventus: “Per avere un rigore serve una maglia a righe”

Pubblicato il autore: Giovanni Improta

Sarri contro la Juventus
Nonostante la vittoria del Napoli nel match di domenica contro l’Udinese, Maurizio Sarri si presenta scontento e frustrato ai microfoni dei giornalisti. “Cosa dobbiamo fare per avere un rigore? Forse ci servono le maglie a righe”, ha commentato l’allenatore degli azzurri. Il riferimento non è esplicito e in serie A sono molte le squadre con una maglia a strisce, ma è comunque probabile che la frecciatina sia rivolta alla Juventus, storica rivale del Napoli e già aspramente criticata in passato dal coach partenopeo. “Insieme alla Fiorentina siamo la squadra che gioca di più palla a terra, che ha fatto più tiri in porta e ha giocato più palloni in area di tutto il campionato, ma non abbiamo mai avuto un rigore a favore. Poi non so se stasera su Allan c’era il rigore, poteva pure non esserci, ho visto però che l’hanno preso a sandwich in area. Ma in generale i dati indicano una forte stranezza sul fatto che non abbiamo avuto ancora rigori a favore. Volevamo vincere, ma abbiamo tenuto in partita l’avversario fino alla fine”.

Leggi anche:  Serie B, dove vedere Benevento-Palermo: diretta TV e streaming live

Un Sarri polemico e insoddisfatto anche nei confronti della sua squadra. Dopo le ottime prestazioni e una lunga striscia di risultati positivi e prestazioni convincenti, il Napoli si trova al quarto posto e a soli due punti dal vertice della classifica. Nonostante ciò, per il tecnico degli azzurri resta con i piedi per terra e precisa che, sebbene miri a lungo termine alla vittoria dello scudetto, per il momento preferisce andare avanti un passo alla volta, mirando innanzitutto ad un obiettivo più immediato come il terzo posto e il piazzamento in zona champions. “In sala stampa mi limito a dire che dobbiamo puntare a raggiungere la prima squadra che è davanti a noi in classifica. In questo momento siamo quarti, quindi il nostro obiettivo è provare a vedere se riusciamo a prendere la terza. Io faccio un lavoro molto concreto, non posso stare a pensare ad altre cose. Voglio comunque vincere il titolo con il Napoli, farebbe felice me e i tifosi. Speriamo sia la volta buona, proseguiamo così”.

  •   
  •  
  •  
  •