Napoli, Sarri: “Maradona? Vorrei conoscerlo”

Pubblicato il autore: Gianfranco Mairone

sarri-2

Napoli che viaggia a gonfie vele dopo i piccoli fastidi di inizio stagione. Alla rinascita partenopea ha contribuito in maniera netta il voler puntare tutto sul tecnico Sarri, scelta che per ora sta pagando più che bene. Il tecnico ex Empoli si è concesso ai microfoni del Corriere dello Sport dove ha fatto un bilancio di questo inizio in azzurro: “Le sensazioni che ti può dare la tifoseria sono uniche, un calore spettacolare. Ma è un ambiente umorale, come è sempre stata questa città fatta di passioni e delusioni. O tutto è positivo o tutto è negativo. Io cerco di tenere il filo di una atmosfera in cui ogni tanto bisogna anche estraniarsi”. Sul gran rapporto Higuain-Sarri: “Si diverte. Io lo stimolo a divertirsi. È un fuoriclasse ed è potenzialmente il giocatore più forte che io abbia mai allenato. Scudetto? Per me resta impronunciabile. Abbiamo iniziato un percorso. Ricordiamo che veniamo da un quinto posto e teniamo i piedi per terra. Per volare c’è sempre tempo. È un campionato aperto, senza dominatori. Ci sono diverse squadre che competono a pari livello. Posso dirle che io sono rimasto molto impressionato dalla Fiorentina”. Tra le critiche avute c’è la più rumorosa quella di Maradona: “Un’idea del calcio. La dichiarazione che ha fatto mi ha emozionato. Ora il mio prossimo obiettivo è conoscerlo. Sarebbe un onore, per me. Il più forte giovane italiano è Rugani. Ha una capacità di applicazione straordinaria. Io lo feci esordire a 18 anni. Sarà un giocatore molto importante per il calcio italiano del futuro. Luperto è un talento che tengo d’occhio. Si prepara già con noi, con la prima squadra. Da gennaio abbiamo concordato, con la società, di far allenare ogni settimana uno o due ragazzi della Primavera con i titolari”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Milan-Lumezzane diretta tv e streaming gratis Dazn o Milan Tv? Dove vedere amichevole