Parma: che rimonta! Col San Marino finisce 3-1

Pubblicato il autore: Michele Santoro

parma
Parma, che rimonta! Col San Marino finisce 3-1 – Un Parma maturo e concreto ribalta il gol di svantaggio con cui aveva chiuso la prima frazione di gioco contro il San Marino, e conquista tre punti fondamentali per la promozione in Lega Pro.

In un clima ancora surreale per via degli attentati di matrice islamista di venerdì sera a Parigi, gli uomini di Apolloni scendono in campo a Santarcangelo di Romagna, contro il San Marino, squadra che galleggia a metà classifica nel gruppo D, e che non sembra aver ancora assimilato la retrocessione dello scorso anno. Rispetto alla vittoriosa gara di mercoledì contro il Legnago, i ducali recuperano Sowe, Cacioli e Guazzo, con il solo lungodegente Longobardi ancora ai box, e con Zommers ancora impegnato con l’under 19 lettone. In attacco Apolloni si affida a Musetti, grande ex di giornata; 11 tipo invece per la squadra di Filippo Medri.

Leggi anche:  Serie C, derby Arzignano-Vicenza: dove vederla in TV e streaming

Dopo la “Marsigliese“, e il minuto di silenzio osservato in onore delle 138 vittime di Parigi, i gialloblù danno inizio alle ostilità sfiorando il gol, con il solito Baraye, che davanti al portiere avversario però, scivola al momento della conclusione, e manca il colpo dell’1-0. Il San Marino non ci sta a passare come vittima sacrificale, e reagisce: al 21′ discesa sulla destra di Baldazzi, che crossa in area trovando la deviazione volante di tacco di Simone Braccini, che regala il vantaggio ai titani. Rete tanto spettacolare quanto inaspettata, che gela il Parma. I ducali sono scossi, e tra il 30′ e il 36′ è ancora il San Marino a sfiorare il raddoppio, ma la retroguardia guidata da capitan Lucarelli resiste in qualche modo. Segni di risveglio solo in chiusura di tempo, quando ancora Baraye, dopo averne saltato tre, serve Sereni, che poco freddo in area di rigore, spara fuori. E’ l’ultimo episodio di un primo tempo brutto, che il Parma chiude meritatamente in svantaggio.

Leggi anche:  Agnelli: "La Juve non è una Onlus. Alle Nazionali deve arrivare un beneficio indiretto"

Le cose così non vanno, e in apertura di ripresa Apolloni manda in campo Lauria per Melandri, e la gara si mette quasi subito sul binario giusto: al 52′ Sowe serve Musetti, latitante fino ad allora, che di destro buca la sua ex retroguardia per l’1-1. La partita torna in parità, e i ducali sulle ali dell’entusiasmo trovano il raddoppio: al 55′ Corapi sfrutta un errore difensivo dei biancoazzurri e si presenta da solo in area; battere l’estremo difensore del San Marino è un gioco da ragazzi. 2-1 e risultato ribaltato. Non finisce qui, perchè Musetti, da vero rapace del gol, sente l’odore del sangue e colpisce ancora: cross di Lauria e zuccata vincente della punta carrarese per il 3-1 finale. 4 reti in 5 gare per l’ex titano, che ora si candida ad un posto da titolare fisso. In poco più di un quarto d’ora, il Parma raggiunge e affossa l’avversario, e fino al 90′ gestisce tranquillamente il risultato.

Leggi anche:  Genoa: Blessin a rischio esonero?

Prova di maturità superata alla grande dai gialloblù, che immagazzinano tre punti che valgono doppio in vista delle prossime due partite contro Imolese e Delta Rovigo, rispettivamente sesta e quarta. Per la classifica: l’Altovicentino, secondo, è uscito sconfitto da Rovigo, e per il Parma ora, sono sette i punti di vantaggio.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: