Partita farsa in Perù, 5 rigori per ribaltare la qualificazione

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Noticia-148005-boysAvrebbe dovuto essere soltanto una semplice partita di calcio. Ed invece per i giocatori dello Sport Boys de Tocache, formazione peruviana, quella contro lo Josè Chiroque Cielo è stato un vero e proprio incubo.  Le due squadre si sono incontrate per il ritorno dei sedicesimi della Coppe Perù e per gli ospiti dello Sport Boys  il match si presentava come una vera e propria formalità visto il 5 a 0 dell’andata. Ma era stato, probabilmente, scritto che la gara di ritorno sarebbe dovuta andare diversamente.  Al termine dei novanta minuti, infatti, il punteggio ha visto vincere per 6 a 0 i padroni di casa del Cielo che hanno conquistato la qualificazione. Il contorno è stato, però, tutt’altro che degno di una partita di calcio. Infatti i giocatori dello Sport Boys sin dal loro arrivo allo stadio ” 24 de Noviembre”  sono stati presi di mira dai tifosi avversari che hanno lanciato secchi di urina e feci, riempiendo di minacce ed insulti i ” poveri” calciatori, come raccontato dai dirigenti della formazione ospite.
A completare l’opera è stata la conduzione di gara dell’arbitro Jhonatan Medina
che è stato in grado di fischiare ben 5 rigori a favore della squadra di casa. “A loro bastava lasciarsi cadere per ottenere un rigore, mentre noi siamo usciti con le ossa rotte. Cinque dei nostri hanno riportato contusioni alle costole o alla mandibola. La cosa che più fa rabbia – ha raccontato un dirigente dello Sport Boys , Del Castillo – è che l’arbitro ha riso e ci ha preso in giro per tutta la partita, ma ovviamente non ci sono immagini perché sin dall’arrivo allo stadio ci è stato impedito di fare riprese”. La stessa dirigenza dello Sport Boys ha annunciato che presenterà ricorso.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Coppa Italia, dove vedere Juventus-Spal: streaming gratis e diretta tv in chiaro Rai 1?