Pogba: “La Juve è il mio club del cuore! Voglio vincere tutto, dal Pallone d’Oro alla Champions.”

Pubblicato il autore: Silvia Campagna Segui

pogba

Dopo un inizio di stagione un po’ sottotono, così come quello della sua Juventus, Paul Pogba nelle sue ultime partite sembra tornato ad essere quel fenomenale Pogboom che fa estasiare tutti, juventini e non.  Spettacolare il suo gol nel derby della Mole, essenziale il suo assist nella partita di Champions contro il Borussia Mönchengladbach.
Intervistato da “Filo Diretto”, programma del canale bianconero JTV, il centrocampista francese si è sottoposto alle innumerevoli domande dei tifosi, raccontandosi senza alcun filtro.

JUVE, STORIA DI UN GRANDE AMORE – «Quanto amo la Juve da uno a dieci? Direi 10. La Juve è la squadra che mi ha lasciato dimostrare il mio calcio e che ha avuto la fiducia di mettermi in campo. È la squadra che mi ha fatto andare in Nazionale. Quindi adesso la Juve è il club del cuore.»

L’IMPORTANZA DEL 10 – «La maglia numero 10? Già quando metto la maglia della Juve è un onore sempre. So che qui alla Juve il numero 10 è molto importante. Ce l’avevano giocatori molto grandi: Platini, Baggio, Del Piero, quindi per me è un onore giocare con questo numero. Mi dico che devo fare bene come loro, devo rispettare questo numero, questa maglia.»

IL MISTERO DEL +5 – «Non è niente. È una cosa mia, solo un +5 e basta.»

UN INIZIO DI CAMPIONATO DA DIMENTICARE – «Il nostro inizio di campionato è stato duro, ma crediamo di poter tornare. Pensiamo solo di partita in partita. Domenica vogliamo vincere, deve essere così. Quando vinci quattro volte di fila lo scudetto tutti aspettano la Juve e vogliono vincere contro la Juve. Ma noi sappiamo le cose che dobbiamo fare, sappiamo che sarà molto più difficile dell’anno scorso e degli anni passati, però c’è sempre la fiducia in noi stessi. Ad Empoli vogliamo accorciare le distanze dalle squadre in testa alla classifica.»

LA CHAMPIONS – «La cosa più importante è passare il turno di Champions. Meglio se basta un pareggio alla prossima, ma il nostro obiettivo è vincere, sempre. Non è mai facile in Europa. Contro il Borussia volevamo vincere, ma dopo il cartellino rosso (quello a Hernanes) è diventato tutto più difficile. Contro il Manchester City vorremo vincere. Ma la cosa più importante è passare il turno, in ogni modo.»

MOMENTI INDIMENTICABILI – «Il momento più bello? Quando ho fatto il mio primo gol contro il Napoli e quando abbiamo vinto 2-1 sempre contro il Napoli, due anni fa.»

OBIETTIVI PERSONALI – «Voglio vincere il Pallone d’Oro, la Champions, la Coppa del Mondo. Voglio vincere tutto!»

L’APPELLO AI TIFOSI – «Ci servono i nostri tifosi, abbiamo sempre bisogno di loro, perché sentire Forza Juve anche al 90′ ci dà una grande forza.»

  •   
  •  
  •  
  •