PSG – Sirigu: “Conoscevo alcune vittime dei terroristi”

Pubblicato il autore: Valeria Rosa

Sirigu PSG
Il dramma avvenuto nelle città di Parigi venerdì scorso ha colpito da vicino molti giocatori impegnati con le loro nazionali. Lassana Diarra aveva fatto sapere attraverso i social network che nell’inferno del teatro Bataclan, sua cugina Asta Diakite aveva perso la vita. Antonie Griezmann, giocatore francese dell’Atletico di Madrid aveva invece comunicato che la sua sorella minore, anche lei presente al concerto, era riuscita a scappare illesa. Tra i giocatori che hanno perso alcuni amici ci sono anche Salvatore Sirigu, Maxwell e Marco Verratti.
Dopo l’amichevole Italia-Romania, giocata ieri in una Bologna quasi blindata e terminata con il risultato di 2 a 2, è stato proprio il portiere della nazionale italiana e del Paris Saint-German a parlare degli attentati avvenuti settimana scorsa a Parigi e a dire che lui ed i suoi compagni di squadra frequentavano uno dei locali colpiti dai terroristi.

Leggi anche:  Serie C, dove vedere Juve Stabia-Potenza streaming live e diretta TV Rai Sport?

“Visto quello che è successo, abbiamo tutti paura di tornare a Parigi – ha dichiarato il sardo -, ma non ne abbiamo solo noi che dobbiamo vivere in quella realtà”.
Ai microfoni della RAI, Sirigu ha confessato anche di conoscere alcune delle vittime coinvolte in quella che è stata una delle più terrificanti stragi del secolo: “Conoscevo alcuni ragazzi che sono morti durante gli attacchi”.

Il portiere del PSG si riferisce a due ristoratori italiani, che nella capitale francese portavano avanti la loro attività con passione: “frequentavamo il loro locale, è un ristorante molto conosciuto a Parigi e si trova proprio nel nostro quartiere. Perdere due persone che fanno parte della nostra serenità fuori dal campo – ha continuato Sirigu – è veramente dura da accettare”.
“In Francia hanno reagito tutto in modo dignitoso – sostiene il calciatore di Nuoro -. Dobbiamo continuare a lavorare e portare avanti le nostre abitudini, solo così possiamo attenuare il dolore per le nostre perdite e allontanare la paura”.
Il nostro pensiero va a chi soffre – ha concluso Sirigu -, non possiamo fare altro che stringerci alle famiglie delle vittime con il cuore”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: