Ranking FIFA: Belgio al comando, Italia solo tredicesima

Pubblicato il autore: Michele Santoro Segui

belgio 1°
Ranking FIFA: Belgio al comando, Italia solo tredicesima – I diavoli finiscono in Paradiso: il Belgio, in virtù dell’ultima vittoria contro Israele nella qualificazioni alle fasi finali dell’Europeo del 2016 che si disputerà, a partire da giugno, in Francia, balza al comando del Ranking FIFA, lasciandosi alle spalle le corazzate Germania e Argentina, rispettivamente, campione e vice campione del Mondo. Dopo Brasile, Argentina, Italia, Germania, Francia, Spagna e Olanda, i “Belgian Red Devils“, che saranno anche testa di serie nel prossimo torneo continentale, sono l’ottavo Paese a conquistare la vetta della speciale classifica.

E’ la prima volta che una squadra che non ha mai vinto Europei o Mondiali mette tutti dietro nella graduatoria FIFA. Da un punto di vista prettamente aritmetico non c’è da restare sorpresi: la classifica viene stilata tenendo conto dei risultati ottenuti negli ultimi 4 anni, conteggiando non solo i risultati  delle gare ufficiali come qualificazioni e fasi finali di tornei continentali e intercontinentali, ma anche amichevoli. Per questo motivo, il Belgio è primo nel ranking FIFA anche se non ha mai vinto nè Europei e nè Mondiali; è leader semplicemente perchè, nel complesso, tra amichevoli, partite di qualificazioni e Mondiale, ha ottenuto il maggior numero di vittorie. Dal punto di vista tecnico poi, non si può che dar ragione alla FIFA: la nazionale di Wilmots è il giusto mix tra la freschezza di giovani talenti come Courtois, De Bruyne, Hazard, Mertens e Lukaku, con l’esperienza di alcuni “veterani” come NainggolanVermaelen e Kompany; per non parlare delle novità che il campionato belga mette in mostra ormai periodicamente, con Kums e Depoitre del Gent, per esempio, che stanno facendo benissimo anche in Champions League. Nel giro di otto anni, i “Diavoli Rossi” sono passati dal 71.mo al primo posto del ranking FIFA, maturato per le premature eliminazione a Euro 2000 e ai Mondiali del 2002 e poi per la storica qualificazione ai Mondiali brasiliani. Una crescita sorprendente, incentrata su una programmazione meticolosa e un tecnico di grande qualità che ora punta tutto sugli Europei in Francia per dimostrare il valore di questo gruppo e continuare a sorprendere.

Leggi anche:  Coppa del Re, dove vedere Cornella Barcellona, streaming e diretta TV in chiaro?

Per quanto riguarda l’Italia invece, si registra un buon passo in avanti: dal 17° posto di luglio, al 13° appena conquistato; un’avanzata lenta ma continua degli azzurri sotto la guida di Conte. Argentina e Olanda sono le grandi deluse: gli Oranje, a causa degli scarsi risultati degli ultimi periodi e della mancata qualificazione ad Euro 2016, si ritrovano in 16^ posizione; la Seleccion invece, perde la leadership, e si ritrova sul terzo gradino del podio, superata anche dalla Germania, sempre costante. Il Cile, campione del Sud America, è quinto alle spalle del Portogallo, aiutato dalle ultime uscite internazionali; bene anche la Turchia 18°, che ritorna quindi tra le prime 20; deciso salto anche di Austria e Svizzera, che grazie ad un’ottima fase di qualificazione, si attestano al 10° e all’11° posto. Spagna 6°, Colombia 7°, Brasile 8° e Inghilterra 9°, dovranno fare di più se vorranno risalire la china. Croazia e Bosnia, malgrado l’elevatissimo tasso tecnico delle proprie rose, non riescono ad andare oltre un 19° e un 20° posto. Bene anche Romania 14°, Galles 15° e Repubblica Ceca 17°.

  •   
  •  
  •  
  •