Real Madrid Benitez esonero, stasera conferenza di Florentino Perez. Zidane: “Speculazioni, Rafa è dove deve stare”

Pubblicato il autore: Edoardo Evangelista

real madrid benitez esonero zidane
ULTIMA ORA: prevista per stasera una conferenza stampa indetta da Florentino Perez. La scelta, senza dubbio tempestiva, può però essere interpretata in maniera duplice: da un lato potrebbe apparire come l’occasione di rinsaldare l’appoggio della società al tecnico; dall’altro, al contrario, potrebbe rappresentare l’occasione per l’esonero dopo lo storico 0-4 casalingo contro i rivali del Barcellona, anche se va ricordato che Benitez è legato al Real Madrid da un contratto con scadenza 2018 che prevede altri 13 mln netti oltre ai 2 + bonus che gli sono già stati corrisposti finora…

Real Madrid Benitez esonero, Zidane frena: “Speculazioni, Rafa è dove deve stare”.
Nonostante il clima da catastrofe che si respira in quel di Madrid, Zinedine Zidane ha seccamente bollato come “speculazioni” le voci che lo vorrebbero sul punto di rilevare un Rafa Benitez esonero alla guida tecnica del Real Madrid. L’ex pallone d’oro con le maglie di Juventus e Real è l’allenatore della squadra B, il Castilla, dove ha deciso di restare per rimediare all’esperienza negativa vissuta lo scorso anno sulla stessa panchina. Per farlo, ha rifiutato la corte di club di prima fascia come il Bordeaux, che avrebbe fatto ponti d’oro per riportarlo in Francia, nella piazza che lo ha lanciato nel grande calcio attorno alla metà degli anni Novanta. Zidane non a caso ci tiene a sottoinearlo: “Non sono rimasto qui nella speranza di sedermi un giorno sulla panchina del Real. Ho deciso di rimanere per il Castilla“, taglia corto Zidane spiegando la sua scelta estiva.

Leggi anche:  José Mourinho: "Vi svelo chi giocherà..." - Pellegrini verso il forfait

Nella scorsa stagione il Castilla ha rimediato la retrocessione sotto la guida tecnica di Zidane. La voglia di riscattarsi nell’ambiente nel quale aveva fallito avrebbe fornito impulso decisivo alla volontà di ripartire da dove aveva lasciato, posponendo un’eventuale avventura sulla panchina di una squadra che militi nei massimi campionati. “L’anno scorso ho terminato la stagione con la sensazione che qualcosa mancasse ancora. Sono abbastanza testardo e ostinato, perciò quando sento di non aver raggiunto un obiettivo che mi ero posto, sento il dovere di continuare a perseguirlo, le belle parole che emergono da alcune dichiarazioni rilasciate da Zidane alla stampa e raccolte dai colleghi di ESPN.com. 
Non senza ostentare una prudente modestia, Zidane ha parlato del percorso che ha immaginato per la sua figura di allenatore enfatizzando la volontà di non affrettare i tempi, al fine di consolidare l’esperienza necessaria ad affrontare le difficoltà di una panchina di un grande club come il Real, dove il tecnico è costantemente a rischio come dimostra Benitez esonero: “Ho ancora molta strada da fare davanti a me, e comunque un allenatore non è mai davvero completamente preparato e pronto – ammette candidamente Zidane, dopo aver etichettato come speculazioni le voci che lo vorrebbero ad un passo dal guidare la Prima squadra del Real -. Ciò che sto facendo, così come nella mia esperienza da giocatore, è fare le cose passo dopo passo, senza avere alcuna fretta in quello che faccio”, ha affermato frenando sulla possibilità di anticipare il grande salto dalle serie minori spagnole alla Liga e alla Champions League con il Real Madrid.

Leggi anche:  Dove vedere Roma Real Betis di Europa League, TV8, Sky o DAZN?

Real Madrid Benitez esonero, Zidane frena: “Speculazioni, Rafa è dove deve stare”.
Interpellato in maniera ancor più diretta sulla situazione del Real, umiliato in casa dal Barcellona nello scontro diretto al vertice della Primera Division, Zidane ha evitato accuratamente di alimentare le voci che riguardano lui e Benitez, che ritiene soltanto delle speculazioni legate al momento attraversato da Cristiano Ronaldo e compagni. “Sono l’allenatore del Castilla – ha ricordato Zidane –mentre Rafa Benitez siede sulla panchina della prima squadra. Le cose sono esattamente al proprio posto così come stanno al momento“, ha concluso un fin troppo abbottonato Zizou. Appare anacronistica la difesa tenace dell’operato e di conseguenza della posizione di Benitez in società. Per effetto di una serie di prestazioni tutt’altro che convincenti sia dal punto di vista del gioco che delle individualità, l’ex tecnico del Napoli è finito definitivamente nell’occhio del ciclone della stampa, o almeno di una consistente parte di essa. Nonostante l’indirizzo piuttosto critico nei confronti dell’ex di Liverpool e Valencia, secondo quanto emerso a margine del programma “Tiempo de juego”, in onda sull’autorevole emittente radiofonica spagnola Cadena Cope, Rafa Benitez esonero godrebbe tutt’ora dell’incondizionata fiducia dei vertici dirigenziali madridisti.

Leggi anche:  Cagliari: due defezioni contro il Genoa, ecco le scelte di Liverani

Benitez è una scelta di Florentino Perez, che aveva deciso da diverso tempo di sostituire Ancelotti con un uomo di sua fiducia. Esonerarlo oggi, dopo appena tre mesi di partite ufficiali, vorrebbe dire sconfessare tutto l’operato societario per quanto riguarda la gestione tecnica, già minata dalle voci di mercato su Cristiano Ronaldo, Bale e Benzema, tutti dati in partenza anche a causa del rapporto con Rafa. Forse per questo Cadena Cope insiste con manifesta sicumera sulla conferma di Benitez, avanzando l’ipotesi di un prossimo consiglio amministrativo nella giornata di martedì, dal quale dovrebbe risultare una dichiarazione di pieno sostegno nei confronti dell’allenatore alla luce del suo operato. Di parere completamente opposto il quotidiano sportivo Marca, che avrebbe individuato in un ristrettissimo gruppo di 5-6 giocatori il nocciolo duro del residuale sostegno interno a Rafa Benitez, raccontato come sempre più isolato all’interno del magmatico e controverso ambiente interno al Real Madrid.

Real Madrid Benitez esonero, Zidane frena: “Speculazioni, Rafa è dove deve stare”.

  •   
  •  
  •  
  •