Roma Bayer Leverkusen – Conferenza stampa di Garcia e Szczesny: ”Dobbiamo vincere!”

Pubblicato il autore: Livio Cellucci

ROME, ITALY - NOVEMBER 03: Player of AS Roma Wojciech Szczesny (L) and coach Rudi Garcia attend a press conference on November 3, 2015 in Rome, Italy. (Photo by Luciano Rossi/AS Roma via Getty Images)

 

Tanta attesa per nulla: la sala stampa di Trigoria per la conferenza congiunta di Garcia e Szczesny era gremitissima di giornalisti e fotografi, tutti lì curiosi di sentire qualcosa di interessante, dopo le polemiche di questi giorni tra i due protagonisti. Ed invece niente, la conferenza è stata liquidata dai due in soli 12 minuti, senza che dall’incontro uscisse fuori praticamente un bel nulla.
A sorprendere particolarmente è stato poi l’atteggiamento di Szczesny, così tremendamente ”politically correct”, da sembrare inglese. Ed infatti, fino a poco fa giocava proprio in Inghilterra… Ma anche dall’istrionico Garcia stavolta non è uscito un granchè, se non la notizia del ritorno in campo di De Rossi, con Keita che invece non è ancora pronto per domani.

Il primo a prendere la parola in questa conferenza-lampo è stato Szczesny che, a chi gli chiede del suo rendimento post-infortunio, tira fuori una risposta ”da zero a zero”: ”Ringrazio l’allenatore per la fiducia, ora sto molto meglio”. A dare allora qualche notizia ai giornalisti ci pensa Garcia che, sul rientro degli infortunati, afferma: ”Le cose sono semplici: Keita non è pronto. Non c’è un’altra partita, se non quella di domani e domani De Rossi giocherà!”. La palla ritorna poi a Szczesny, che continua ad indossare vesti diplomatiche anche quando gli si chiede se la difesa della Roma avrà qualche attenzione particolare per il ”Chicharito” Hernandez: ‘‘Ovviamente avremo un occhio di riguardo per lui”. Tutto qui, lapidario, essenziale. Cosa un pò inusuale per una conferenza stampa. Così tocca ancora a Garcia mettere un pò di carne sul fuoco a proposito del Bayer Leverkusen: ”La gara dell’andata ci ha confermato che il Bayer è una squadra che ha delle doti in attacco e delle debolezze in difesa. Il risultato di quella gara alla fine potevamo anche aspettarcelo, visto il momento delle due squadre: eravamo in un periodo in cui anche noi segnavamo tanto e però prendavamo anche tanti goal… Domani invece non c’è scelta: dobbiamo vincere! L’atteggiamento da tenere è semplice…”.
I cronisti presenti provano intanto a stimolare la vena oratorio di Szczesny, continuando però ad ottenere indietro solo frasi da ”manuale di conversazione”: ”Mi trovo bene a Roma, mi piace l’atmosfera, il clima e voglio ripagare la fiducia della società!”. Meglio allora senza dubbio rituffarsi su Garcia, che fa le sue considerazioni sul girone: ”La Champions è un mini-campionato ed ogni partita vale il triplo, lo sappiamo: per arrivare alla qualificazione abbiamo bisogno di una vittoria domani. Nel nostro gruppo nessuno ancora si è qualificato, così come nessuno è già fuori. Ma sappiamo che a noi serve una vittoria e vogliamo ottenerla domani!’‘.

Per quanto riguarda invece le esternazioni del Prefetto Gabrielli, a proposito del derby e della situazione delle curve, Rudi Garcia è fermo nel rispondere: ”Ci siamo già espressi su questo e l’ho già detto: penso che le grandi serate di calcio sia meglio giocarle con lo stadio pieno. Ma ora non è il momento di parlare di questo…”. In questi giorni a Roma non si parla solo di Champions: l’occhio va già anche al derby di domenica prossima e Szczesny è finito nel mirino della Lazio per la sua esultanza al goal dell’Atalanta. La società biancoceleste ha fatto sapere di aver appeso una sua foto nello spogliatoio, per caricare la squadra. Ma il taciturno portiere polacco non sembra scalfito da queste polemiche: ”Questo non è un problema che mi riguarda, io mi occupo solo della partita contro il Bayer Leverkusen…”. E Szczesny mantiene tutto il suo aplomb anche a proposito della sua intervista a Sky, in cui spendeva belle parole per l’Arsenal: ”La mia esternazione deve essere capita: io rimango ancora un giocatore di proprietà dell’Arsenal e se i Gunners mi dicessero di tornare, io non potrei dire di no. Questo però non vuol dire che non prenderò seriamente il fatto di giocare con la Roma!”. La conferenza stampa di Garcia e Szczesny finisce qui e l’impressione è che ancora tante sarebbero le cose da chiedere ai due giallorossi. Ma non c’è niente da fare, evidentemente la Roma preferisce parlare con il campo…

Leggi anche:  Asta di riparazione Fantacalcio, i giocatori da acquistare nelle vostre leghe: ecco i consigli!
  •   
  •  
  •  
  •