10 anni senza George Best. “Se non fossi stato così bello, non avreste mai sentito parlare di Pelé”

Pubblicato il autore: Ciro Iavazzo Segui
GEORGE BEST - 1968...1968: Belfast-born George Best on the pitch for Manchester United. Best joined Manchester United from school and made his senior debut at the age of 17. Best was voted Footballer of the Year for 1968. ... GEORGE BEST - 1968 ... 01-04-1968 ... MANCHESTER ... UK ... PRESS ASSOCIATION photo. Photo Credit should read: PA/PA Archive. Unique Reference No. 1369168 ...

Sono passati ormai 10 anni senza George Best, uno dei giocatori più forti e più controversi della storia del calcio mondiale. Era il 25 novembre 2005 quando, presso il Cromwell Hospital di Londra, George si spense, perdendo la partita più importante, quella contro il suo nemico principale, l’alcol. Pallone d’oro nel 1968, Best è stato il simbolo di un calcio che cambiava, di un calcio che si univa indissolubilmente al denaro, a stipendi esorbitanti che avrebbero fatto perdere la testa a tanti grandi giocatori. Dal 1963 al 1974 George ha guidato il Manchester United nella storia, indossando la maglia numero 7, diventata leggendaria. “Se non fossi stato così bello non avreste mai sentito parlare di Pelè” è una frase emblematica della sua vita, un talento straordinario, minato dal suo amore per le frivolezze, dalla sua passione per donne, alcol e automobili. Scoperto bambino dai Red Devils nelle periferie di Belfast, fu portato fuori da un’adolescenza difficile. Nessuno però non riuscì mai a far nulla contro il vizio che lo avrebbe presto portato alla distruzione.. La sua carriera divenne in discesa a soli 27 anni, quando lasciò Manchester per cominciare un lungo peregrinare in tutto il mondo. Nel 2002, all’età di 56 anni, subì un delicato trapianto di fegato, ma le sue condizioni rimasero sempre precarie tanto che nell’ottobre 2005, venne ricoverato in terapia intensiva in una clinica privata londinese, il Cromwell Hospital, per un’infezione ai polmoni. Il 20 novembre, il tabloid inglese News of the World pubblicò, su sua richiesta, una foto che ritraeva Best nel suo letto di ospedale, con le sue ultime parole pubbliche: Don’t die like me, non morite come me, frase entrata nella storia. Il suo decesso avvenne il 25 novembre del 2005. La vita e la carriera di George Best fanno parte della storia calcistica, la storia di un uomo che non si è mai vergognato di essere vero e sincero, di un uomo che in un anno, il ’68, è stato il giocatore più forte del mondo e, considerando quella stagione, è fra i 3/4 giocatori più, forti di sempre. George ha sprecato un talento visto raramente ma è riuscito, in un modo o nell’altro, a creare un ricordo indelebile di se perchè Pelè is good, Maradona is better, but Geroge is BEST.

  •   
  •  
  •  
  •