Serie B: Avellino-Perugia, probabili formazioni

Pubblicato il autore: Luca Bonaccorso

7OZ_4747Bisoli-troccoli

L’Avellino, dopo la sconfitta di Pescara, va alla ricerca dei tre punti contro un Perugia in splendida salute, come dimostra il 4-0 al Brescia dello scorso turno.
Tesser deve far fronte a numerosissime assenze: non ci saranno infatti Biraschi, Ligi e Rea e al fianco di Chiosa dovrebbe quindi giocare al centro della difesa Visconti, terzino sinistro adattato in mezzo e sostituito sull’out mancino da Giron. Rientra Insigne, panchina per Tavano.
Bisoli invece deve fare a meno dello squalificato Comotto e lancerà nella posizione di regista Rodrigo Taddei: in avanti spazio a Di Carmine. Assenti Ardemagni e Rizzo.

TESSER. Ecco il tecnico dell’Avellino in conferenza stampa: “Giochiamo in casa e saremo chiamati a fare la partita. Le scelte saranno condizionate dal fatto che tre difensori su quattro sono fuori. Rea non è nemmeno convocato. Pensavo di poterlo avere a disposizione, ma non sarà così. Ha accusato ancora qualche problema fisico. Tavano lo abbiamo trovato più in forma e ci sarà. Insigne? Potrebbe giocare. Nitriansky centrale di difesa? Mi ha detto che non lo ha mai fatto in una difesa a quattro. Il Perugia è una di quelle formazioni temibili in tutti i reparti. Hanno giocatori capaci di mandarti in tilt con una semplice ripartenza. Con il Brescia hanno lottato dando il massimo. Noi dovremo contrastare stando bene in campo senza sbilanciarci e mantenendo le giuste distanze. Dovremmo essere propositivi in tutto e per tutto. Abbiamo la consapevolezza di affrontare una squadra in palla. Ma tralasciando l’avversario, ogni gara, fa storia a sè. Occorrerà una prestazione importante a livello tecnico-tattico e di personalità”.

BISOLI. Ecco il tecnico del Perugia in conferenza stampa: “Ardemagni e Rizzo non sono convocati – ha affermato – ho aggregato Drole e Jakovlevs. Purtroppo non riesco a riproporre la stessa formazione. Per me rappresenta un grosso problema cambiare due-tre pedine alla volta non perché non abbia fiducia nei sostituti ma per una questione di amalgama. Nonostante queste difficoltà però la squadra è riuscita a rimanere a galla, in una posizione di centro classifica. Contro l’Avellino saranno almeno due le novità. Dovremo essere aggressivi come nella partita precedente.  L’Avellino è stato costruito per ambire alle prime quattro posizioni della classifica ma ha avuto dei problemi in difesa. Ha però il terzo miglior attacco del torneo, pertanto dovremo stare attenti. Domani dovremo mettere quella cattiveria che c’è stata contro il Brescia, grande voglia di provarci, anche da lontano. I ragazzi devono capire che devono giocare in trasferta con la stessa mentalità delle partite disputate in casa. Quello che conterà sarà l’atteggiamento, la  voglia da parte dei giocatori di andare a fare risultato in un campo complicato come quello di Avellino, contro una formazione costruita per vincere, con un centrocampo e un attacco importante. Di Carmine al posto di Ardemagni? Si è sempre allenato bene ed è arrivato il momento che dimostri di essere in forma, anche perché ritengo che sia in una buona condizione. Deve sfruttare questa chance, senza però sentirsi sotto esame, sarà una sfida da vincere come le altre, una battaglia. Giocare ad Avellino non è facile, mi ricordo che è sempre stato difficile portare via punti dal Partenio.“

PROBABILI FORMAZIONI

Leggi anche:  Champions League, probabili formazioni Inter-Barcellona: Correa o Dzeko? Out Depay

Avellino: (4-3-1-2) Frattali, Nica, Chiosa, Visconti, Giron; Arini, Jidayi, Bastien; Insigne; Mokulu, Trotta.

Perugia: (4-3-3) Rosati, Spinazzola, Belmonte, Volta, Del Prete; Zebli, Taddei, Della Rocca; Fabinho, Parigini, Di Carmine.

  •   
  •  
  •  
  •