Serie B: giornata di sfide incrociate, il via a Bari

Pubblicato il autore: Nello Simonetti

bariSi comincia da Bari, questa sera, ore 20:45, da una sfida ricca di fascino, grazie al gemellaggio tra due tifoserie da sempre amiche. Lo stadio San Nicola sarà teatro di una partita tutt’altro che inedita tra i padroni di casa e la Salernitana che, nell’anticipo odierno, daranno via alla dodicesima giornata del campionato di serie B. Amicizia e rispetto reciproco sugli spalti, ma animus pugnandi e voglia di prevalere sull’avversario nel rettangolo verde, dove Nicola e Torrente cercano punti preziosi dopo i tutt’altro che esaltanti pari interni rimediati nel turno precedente rispettivamente contro Novara e Perugia. I granata, tornati in serie B dopo il fallimento ed il purgatorio patito negli ultimi anni in categorie ben poco consone al blasone della società, annaspano nelle ultime posizioni nonostante un promettente avvio. Colpa di un incredibile calo nelle ultime giornate, in seguito al quale si ritrovano ora pienamente coinvolti nella lotta per non retrocedere. La trasferta in terra di Puglia non arriva certo nel momento migliore per Gabionetta e compagni, costretti a chiedere punti ad un Bari finora incapace di prendersi quel ruolo da protagonista in questa serie B, dopo la sontuosa campagna di rafforzamento portata a termine dalla società in estate. La vetta della classifica è distante quattro lunghezze, la occupano in condominio Cagliari e Cesena, due squadre invece brave a mantenere le promesse della vigilia. Per entrambe, nelle gare del sabato, sfide contro formazioni di medio-bassa classifica. I sardi ospitano il Modena di Crespo, mentre per i romagnoli trasferta a Latina, sul campo di una squadra scivolata anch’essa, dopo un positivo avvio, nelle zone basse della classifica. La sconfitta di sabato scorso a Brescia è stata fatale al tecnico Iuliano, sollevato dall’incarico e sostituito da Mario Somma, atteso subito da un durissimo impegno contro la formazione allenata da Drago. Una gara che promette scintille.
Altre sfide incrociate sono in programma a Pescara, Vercelli e Trapani. Gli abruzzesi, privi di Memushaj, fermato per ben due turni dal giudice sportivo di serie B per ingiurie rivolte all’arbitro nello sfortunato recupero di mercoledì a Novara, ospitano la Ternana, mentre sugli altri due campi, Livorno e Spezia sono chiamate a rintuzzare l’assalto delle inseguitrici nella griglia che garantisce un posto nella zona play off.  La bellissima serie B di quest’anno però, propone anche un’altra inattesa protagonista, reduce dal percorso inverso rispetto a Salernitana e Latina. Parliamo del Novara di Baroni, passata dalla lotta per non retrocedere alla zona play off nel giro di poche giornate grazie ad una striscia positiva fatta di quattro vittorie ed un pareggio nelle ultime cinque giornate. I piemontesi sembrano aver ingranato la marcia giusta ed ora attendono al Piola il Brescia, altra nobile decaduta del calcio italiano, ma capace di tenersi nelle zone nobili della graduatoria, dopo la balorda stagione scorsa, caratterizzata da una retrocessione cancellata poi dal ripescaggio. I lombardi precedono Evacuo e compagni di un solo punto, la voglia di sorpasso è grandissima in casa Novara. Chiude il quadro la sfida tra Entella e Como, con gli ospiti, passati nelle mani di Festa, dopo l’esonero di Sabatini, artefice della promozione in Serie B, alla disperata ricerca di ossigeno e di un’impresa che consenta di lasciare l’ultimo posto in classifica. Al nuovo tecnico l’ingrato compito di centrarla.
I posticipi saranno due. Il primo si disputa al Curi di Perugia, dove i padroni di casa attendono il Lanciano, appena penalizzato di un punto dal tribunale federale per inadempienze Covisoc. I frentani sono ora penultimi in classifica e vedono il baratro molto vicino. Il secondo avrà, infine, come teatro, lo Scida di Crotone, dove si affronteranno la grande rivelazione del campionato, i rossoblù di Juric, e la grande delusione della stagione, l’Avellino di Tesser. L’ultima giornata ha però ribaltato questo stato di cose. I lupi hanno infatti sbancato il Liberati di Terni, superando con un rotondo 3-0 la squadra di casa, i calabresi sono invece caduti all’Adriatico di Pescara sotto i colpi di uno scatenato Lapadula, grande protagonista del pesante 4-1 incassato dai pitagorici. Se sia solo una casualità, o una effettiva inversione di tendenza, ce lo dirà il posticipo di lunedì sera. In serie B vietato dare qualcosa per scontato. Specie nella prima fase…

Leggi anche:  Calciomercato Lecce: trovato l’accordo con Bove, ma la Roma prenota un centrocampista
  •   
  •  
  •  
  •