Totti: “Minacce e sputi contro me e i miei compagni”

Pubblicato il autore: Lorenzo Matricardi

Totti

15 marzo 2015; si gioca Roma-Fiorentina, match di ritorno degli ottavi di finale di Europa League. La partita di andata, giocata il 19 febbraio al Franchi di Firenze, era terminata 1 a 1. I Viola in soli 22 minuti chiudono l’incontro con le reti di Gonzalo Rodriguez (su rigore), Alonso e Basanta. Totti e compagni si dimostrano incapaci di reagire alla pressione avversaria e, come spesso accaduto nel corso della scorsa stagione – sia in campionato che nelle competizioni europee -, danno la sensazione di arrendersi senza combattere. Al termine della partita esplode la rabbia dei tifosi giallorossi che contestano la squadra per lo scarso impegno dimostrato.

Pochi giorni dopo l’eliminazione della Roma dall’Eurpa League, Francesco Totti viene interrogato dalla Digos in merito ai fatti accaduti nel post partita di Roma-Fiorentina. Oggi Il Tempo (V. Imperitura, A. Ossino) riporta le parole del capitano giallorosso nel descrivere la situazione vissuta al termine del match. Questo quanto dichiarato da Totti: “Al termine dell’incontro io e altri miei compagni di squadra ci siamo recati sotto il settore della Curva Sud, dove i tifosi stavano reclamando a gran voce la nostra presenza con ripetuti cori. Durante questo confronto siamo stati insultati e fatto oggetto di sputi, lancio di accendini e bottigliette di plastica”.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie B, Bari-Pisa probabili formazioni: assenza forzata e pesante per i pugliesi