Uefa, dura punizione alla Dinamo Kiev

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri

Dinamo Kiev razzismo

Le indiscrezioni filtrate nei giorni scorsi hanno avuto conferma: la Dinamo Kiev è stata infatti punita dell’Uefa dopo la partita casalinga contro il Chelsea del 20 ottobre scorso. La Dinamo Kiev è stata condannata e sanzionata per comportamento razzista e disordini provati dai suoi tifosi. Inoltre varie norme di sicurezza sono state violate. La Dinamo Kiev dovrà quindi disputare tre partite a porte chiuse e pagate una multa di 100 mila euro. Si precisa che su un turno a porte chiuse che dovrà disputare la Dinamo Kiev che la sospensiva di tre anni. Contro il Maccabi e negli eventuali ottavi dunque gli ucraini non avranno il sostegno del suo pubblico. La decisione è stata presa dopo l’impresa della Dinamo Kiev di ieri sera contro il Porto con la squadra ad un passo dagli ottavi di finale. Al club ucraino per passare il turno basterà battere il Maccabi già eliminato, ma l’impresa dovrà essere fatta senza il pubblico di casa. Nel dettagli le sanzioni sono state comminate per tre ragioni. Ecco il dettaglio: cori razzisti intonati dal pubblico di casa, disordini causati dal tifo più caldo della Dinamo Kiev ed infine per la presenza di alcune scale di sicurezza bloccate che avrebbero dovuto essere libere in caso di necessità.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Inter, non è finita con Zhang: entro fine anno 100 milioni alla società