Youth League amara, la Juve perde 3-2 a Monchengladbach

Pubblicato il autore: Michele Santoro Segui

youth league juve
Youth League amara, la Juve perde 3-2 a Monchengladbach – Un primo tempo da incubo porta la Juve sull’orlo del baratro. La sconfitta per 3-2 rimediata a Monchengladbach costa cara ai bianconeri, che, a due giornate dalla fine, si ritrovano a -4 dal Siviglia secondo, e per sperare nella qualificazione agli ottavi di Youth League, ora, devono solo vincere. Al “Fohlenplatz” di Monchengladbach, le due squadre si affrontano al completo, con i tedeschi che recuperano Rizzo, accompagnato in attacco da Simakala ed Eckert, e con Grosso che si affida in avanti alla fame di gol di Clemenza e Pozzebon.

Si capisce subito che non sarà una partita facile per l’estremo difensore bianconero, Del Favero: al 3′ Rizzo entra in area dalla sinistra, Zappa lo mette giù, e l’arbitro decreta il fallo da rigore: Ndenge dal dischetto realizza, per l’1-0 dei tedeschi. Al 9′ ancora Gladbach: Holtby in percussione centrale conclude a rete, ma Del Favero è attento. La Juve è timida, e si fa vedere dalle parti dell’area avversaria solo sporadicamente, con Pozzebon e Favilli. Al 31′ potrebbe esserci una chance di pareggio per i bianconeri, ma la punizione calciata da Clemenza non preoccupa Nicolas. A 10 minuti dalla fine della prima frazione di gioco, arriva il raddoppio dei tedeschi, ancora con Ndenge, che fa tutto da solo, e batte ancora una volta l’incolpevole Del Favero. Prima del riposo, c’è ancora tempo per un’altra sortita offensiva del Monchengladbach con Eckert, ma il numero 1 juventino è attento. Squadre negli spogliatoi, ma con morali e gol, diversi.

Leggi anche:  Juventus, Ronaldo in lizza per il premio Giocatore del secolo

Grosso decide di dare più fosforo ai suoi e cambia Muratore con Pellini, ma il risultato non cambia: al 51′ i tedeschi vanno ancora in gol con Holtby, che di testa buca la rete avversaria. 3-0 secco, e partita quasi archiviata. La Juve in avanti è sterile, Pozzebon e Clemenza non pungono, e vengono sostituiti da Cassata e Kastanos. A differenza loro, gli avanti tedeschi sono in partita, e le conclusioni di Eckert e Simakala per poco non rendono più generoso il punteggio. Il secondo tempo scorre senza ulteriori sussulti, fino ai minuti finali, nei quali i bianconeri sfiorano l’impresa: al 90′ Vitale imbecca Cassata, che fa 1-3; due minuti dopo, in mischia su una punizione dalla trequarti, è una zampata di Kastanos, il più lesto ad anticipare tutti, a portare il risultato sul 2-3. Al 93′, Pellini si ritrova tra i piedi il pallone del miracoloso pareggio, ma il suo destro non inquadra la porta. Finisce 3-2 per il Monchengladbach, che aggancia proprio la Juve in classifica a tre punti, al terzo posto del girone D. Nell’altra gara, City corsaro a Siviglia: batte 2-0 i padroni di casa, e si qualifica agli ottavi di Youth League.

Leggi anche:  Ziliani furioso sul goal di CR7: "Morata in fuorigioco attivo. Un perfetto depistaggio mediatico" (Twitter)

Gli uomini di Grosso ora, per passare il turno, dovranno solo sperare di vincere le prossime gare con spagnoli e inglesi; compito difficilissimo non solo per la portata tecnica degli avversari, ma anche perchè la retroguardia bianconera è un vero e proprio scolapasta, rimasta imbattuta solo tre volte fino ad ora: sono sette i gol subiti negli ultimi 180′; i tre di questa giornata di Youth League vanno a sommarsi ai 4 presi nell’ultimo turno di campionato con la Sampdoria. Crepe da sanare in fretta, prima che la stagione sia compromessa.

  •   
  •  
  •  
  •